.
Annunci online

  Banaadiri [ Banaadir-Una regione antica dell'Africa Orien.Banaadir intendiamo quella fascia costiera dalla cittadina di Warshiikh a nord di Mogadiscio fino a Raskiyamboni verso il confine col Kenya,Kisimayo inclusa.I banaadiri hanno origne araba,Bantu&Cuscito ]
 
Diario
 


Banaadiri in Italia

           
banaadiri@gmail.com
Il territorio dei Banaadiri - indicato con la manina - nel Corno d'Africa


Il Territorio dei Banaadiri
Copyright Banaadiri - Ask Banaadiri to use


Messaggi di saluto e sostegno inviati durante la manifestazione Italia Africa del 2004
Festa d'Africa Festival 2005



Two thousand seasons of rain
When incense weeps

By Irena Knehtl
For the Yemen Times



Mappa -indicazione del Banaadir nel Continente Africano-Banaadiri


Enzo Biagi














Questo blog sostiene la nomina
di Enzo
Biagi Senatore a Vita.


Copyright Banaadiri - Ask Banaadiri Italy

Contact Banaadiri Italy:
banaadiri@gmail.com

 Copyright Banaadiri - Ask Banaadiri Italy






Emblema Storica 
   del 
Banaadir.


Foto botte parlamentari Somalia - Allpuntland






Dagaalkii Ka dhacey Barlamaanka
Le botte e bastonate che si sono date parlamentari
Della Somalia Federale in Kenya
 (Video from Reuter)


Copyright Banaadiri - Ask Banaadiri Italy

Copyright Banaadiri - Ask Banaadiri Italy

Copyright Banaadiri - Ask Banaadiri Italy


United Nations Environment
Programme:
After the
Tsunami: Rapid Environ-
mental Assessment

 

A place for poetry
The Maldives and the post-Tsunami era

By Irena Knehtl
iren_knehtl@yahoo.com
For The Yemen Times

Poetic images from the desert
Beauty in the barrenness of the Empty Quarter

By Irena Knehtl
iren_knehtl@maktoob.com
For The Yemen Times


Protest letter concerning the
future political order of Federal
States of Somalia and the
position of the Banaadiri and
the Banaadir

Mr. Mohamed Abbas Sufi
President of the Banaadiri
Community in Italy
Abokar M. Sadiq
President of the Banaadiri
Community in Switzerland
 
Full Story...
 
Yemen Times-Sana'a/Yemen

Human Rights Watch

Rapporto-denuncia
su torture e maltrattamenti
nelle prigioni Iraqene



Leggi...

Costituzione Europea
Il Testo finale

Leggi...

Reporter

Reporter Associati
e Paolo Mondani su EcoRadio



Tutti i giorni
dal Lunedì al Venerdì
dalle 19.15 alle 19.45

Entra...



Amin Amir's Cartoon ...


Samir's Cartoon
Yemen Times


The culture of people of
Banaadir (part 2)


Yemen Times
Henna - one of the famous traditions
of Banaadir.

Irena Knehtl & Mohammed Abati
For Yemen Times
iren_knehtl@yahoo.com



The culture of people of Banaadir (part 1)

Yemen Times

Banaadiri women weavering outdoors.

By Irena Knehtl &
Mohammed Abati*
For the Yemen Times
iren_knehtl@yahoo.com


29/9/2004
Nr. 559-01/08 October 2004
Africa e Medio Oriente
Somalia - Banaadir, il paese dei
porti  - per tramite
President of Banaadiri Community in Italy
di Mohamed ABBAS



home page liberate la pace
Assoc. Un Ponte per ...
www.unponteper.it


 

 

 

 

 





Banaadiri, The renewal of a
    
millenary identity’ is
      
published, Italy.
       
In order to have
          it contact us

 



New
Corno d’Africa, fuga dall’inferno
di E. Casale &
Mohamed ABBAS Sufi

Si trova già in edicola
Published in June 2004

 



Novembre 2003
Attualita italiana/Immigrazione
di Bianca S. = Mohamed Abbas
PANORAMA - Fuga dalla Nazione
che non esiste più |
 
Con la guerra civile, lo stato è nel caos.
Non c'è il governo e neppure l'anagrafe.
Così, i profughi che sopravvivono alla
traversata non possono neanche
chiedere asilo politico. 
 

 


Rivista Africa & Mediterraneo
Nr. 3/01 (37) - Totale Pag. 80 pp
Situazioni
Banaadir, un popolo e un'identità
negata a cura di Mohamed Abbas Sufi

 

 

 

 

 



 

Nuredin Hagi Scikei
Somalia: un’invenzione italiana
















 
Congresso Internazionale sul Corno d'Africa
Seminaire de Rome sur la Corne d'Afrique
Il Congresso Internazionale
Corganizzato dall'ACBI con
L'università di Bologna, sul
Tema ''
The Horn of Africa between
History, Law and Politics'' 2002/2003
Il programma nel sito dell'Univ. di Bo

Horn of Africa - UniBo Magazine





 
Immigrati e italiani: il futuro è convivenza



Profile and Book Review
BANAADIR: The Country of Harbors

By Irena Knehtl

Marka. This coastal city is 50 km south of
Mogadishu, and was founded by the Arab
Banaadiris.

iren_knehtl@yahoo.com
For the Yemen Times












 

 




ASSOCIAZIONE CULTURALE DEI BANAADIRIANI
IN ITALIA (ACBI)
-
I Banaadiri sono un popolo
multietnico e mutliculturale che abitano nel
Corno d'Africa.Essi sono composti da popolazione
di origine Araba, Bantu e altri gruppi Cusciti.
Banaadir è una delle regioni più antica
dell'attuale Somalia,  ed il suo capoluogo è
Mogadiscio detta anche '' XAMAR''.
Il sito  - websitedei banaadiri in Italia :
    
www.banaadiri.org   

moh_cabbas.jpg (30017 bytes)

 


Presidente dei Banaadiri in Italia ( ACBI).
Il presidente dell'Associazione Culturale dei
Banaadiriani in Italia - ACBI, è uno membri 
attivi e promotore del gruppo che fondo’ la
stessa Associazione.
Egli è
uno dei portavoce del Popolo Banaadiri
nel mondo,
e si propone di stimolare l'attenzione
delle cancellerie inter
nazionali, sopratutto in
Europa, con proposte che possono
contribuire
alla soluzione politica dei gravi problemi del
Corno
d'Africa (una regione legata all’Italia da
 una lunga storia di rapporti culturali, politici,
economici e sociali). 

 

 

 

 

 


Foto di Gruppo del Congresso Internazionale
sul tema Corno d'Africa tra Storia, Diritto e Politica,
coorganizzata con l'Univ. di BO - Copyright ACBI

 

 

 


 


Foto di un Gruppo di Banaadiri al secondo
Congresso Intern. dei Banaadiri in Netherland
anno 2002 - Copyright ACBI

 

 

 

 

  

President of Banaadiri     President of Banaadiri Italy
Italy                                  Netherland

 

 

 

 

 
President    Banaadiri   President    Banaadiri
Swiss                              United Kingdom
 

 

 


 


President    Banaadiri   President    Banaadiri
Swiden                            Minesota - USA
  

 

 

 

 


Giornalista Banaadiri   Intellettuale Banaadiri

 

 

 

 

 Rappresentanti dell'Istituzioni Ollandese

 

 

 

 

Intellett. Banaadiri       Resp. giovani Banaadiri 

 

 

 

 

Intellettuale Banaadiri     Intellett. Banaadiri 





 



Salim H. Mao/Master of Markacadeey

salim_mao_3 copy.jpg (23919 bytes)

Foto di gruppo di banaadiri in Ollanda

all6 copy.jpg (45476 bytes) 
engabbas.jpg (24845 bytes)
holland2.jpg (29259 bytes)
salim2.jpg (26418 bytes)
odoyaal1.jpg (30240 bytes)
all3 copy.jpg (41122 bytes)
aweys_khamis2.jpg (32550 bytes)
odayaal5.jpg (41019 bytes)
odayaal9.jpg (42898 bytes)
odayaal10.jpg (40083 bytes)
shirka_2aad_13.jpg (44490 bytes)
sharif_cumar.jpg (39870 bytes)
anisa.jpg (41556 bytes)
guud1.jpg (43205 bytes)
guud4.jpg (44304 bytes)
ikar1.jpg (34306 bytes)
















muridi1.jpg (39339 bytes)
A.jpg (25929 bytes)
sharif_cumar3.jpg (35901 bytes)
aweys_axmed.jpg (41225 bytes)
buwe.jpg (34499 bytes)
x2.jpg (35790 bytes)
holland2.jpg (29259 bytes)
shirka4.jpg (25652 bytes)
sharif_cali.jpg (27221 bytes)
moh_cadde.jpg (29983 bytes)
oday4.jpg (23065 bytes)
nuur_sharif2 copy.jpg (23995 bytes)
maclow1.jpg (33075 bytes)
ibrahim.jpg (24127 bytes)
 
oday11.jpg (18210 bytes)
minesota.jpg (33746 bytes)
moh_xabib.jpg (27007 bytes)
from_swiss.jpg (22827 bytes)


Contact Banaadiri in Italy:


banaadiri@gmail.com
or,
banaadiri1@yahoo.it


23 marzo 2012

Inaa li Allah wa Inaa Ilayhi Raajicuun ...



Inaa li Allah wa Inaa Ilayhi Raajicuun:

Anigoo ku hadlaaya magaca Caa’ilada Cabaas Suufi Maxamed Majawe iyo Caa’ilada Faarax Sugulle Samatar, waxaan tacsi tiiraanyo leh u direnynaa Umadda Soomaaliyeed, gaar ahaan caa’ilada iyo ehelka uu ka geeriyooday Marxuum:

MADAXWEYNE CABDULLAAHI YUUSUF AXMED

Oo ahaa halgame, halyey isku dayay inuu mideeyo wadankayaga, ahaana Madaxweynihii oogu horeeyay ee qaarada Afrika oo istiqaalad dhiiba isagoo weli ah madaxweyne.

Allaha u naxriisto, samir iyo imaan Eebe hanaga siiyo, Jannadii firdowsana Eebe haka waraabiyo. Amiin Yaa Allah.

Maxamed Cabaas Suufi Majawe




permalink | inviato da Banaadiri il 23/3/2012 alle 20:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


23 marzo 2012

Inaa li Allah wa Inaa Ilayhi raajicuun...

Inaa li Allah wa Inaa Ilayhi raajicuun è morto oggi L'Ex Presidente della Somalia Federale, tra i pochi che hanno cercato di unire il paese e restituire onore alla mia patria. Uno dei primi nel contesto africano che hanno dato le proprie dimissioni nel mentre erano in carica. Oggi la Somalia piange personalità di prestigio come H.E. Presidente Abdullahi Yusuf Ahmed.





permalink | inviato da Banaadiri il 23/3/2012 alle 18:52 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


23 gennaio 2012

Others (NUS 0.5) mar waliba “Xaq ma ahan ee waa xal” maku imaan karaa xalka Soomaaliya By Abuukar Maxammed Sadiiq


Others (NUS 0.5) mar waliba “xaq ma ahan ee waa xal” maku imaan karaa xalka Soomaaliya. By Abuukar Muhammed Sadiiq

Anigoo ah guddoomiyaha Ururka qoowmiyadda Banaadiri ee dalka Iswiiska Abuukar Muxammad Sadiiq waxaan madaxda beesha Qoowmiyadda Banaadiri iyo beelaha kale nala mid ah ee aan hubeysneeyn ugu baaqayaa in lagu dadaalo sidii loo joojin/hor'tagi lahaa nidaamka xaq darrada ah ee wax wada qeeybsiga 4.5ka. Madaxda qabqablayaasha beelaha hubeeysan weli ay maskaxdoodi ka bixin habkaasi, waxaan u sheegayaa marka hore in DHUL DADKIISA ISKA LEH, waxaana leeyahay ka fiirsada waxaad damceeysaan iyo dhulalka sheeganaysaanba, sababtoo ah, Soomaaliya manta dhibaatada ugu weyn ee haysata waa dhul kala haysasho, dowlad Soomaali ahne u dhismi la'dahay in ka badan 20 (labaatan) sano, sidaas darteed beel kastaba haku ekaadaan dhulkoodi ee yeeysaan damcin dhul aan isir iyo assalba u lahayn. Badbaadinta dhismaha dowladda Soomaaliya waa in loo maraa waddo ku dhisan caddaalad '' SINNAAN IYO CADDAALAD WAA AASAAKA DOWLADNIMADA '' ee yaan lala aadin dulmi ama dano qabiil. Awood qaybsiga habka 4.5ka ma aha mid ku qotoma caddaaladda iyo sinnaanta, wuxuuna ka soo hor'jeedaa: dhaqanka hiddaha Soomaaliyeed, maxaa yeelay beelaha Soomaaliyeed tiro ahaan aysan isla ekeyn, deegaan ahaanne ay ku kala weynyihiin ; beelaha xaqoodi nus laga dhigay laga yaabo in ay ka tiro badan yihiin beelahaas qaarkoodi ay isku tiriyaan beelaha waaweyn.

Waxaa yaabka yaabkiisa ah in madaxdii hore ee maxaakiimta oo maantane qaarkoodi madax ka yihiin dowladda KMG ee Soomaaliya in ay ku doodi jireen habka 4.5ka inay tahay xaaraan, caddaalad darro marka loo fiiriyo dhankastaba, xagga diinta Islaamkuna iyo dhanka bulshada soomaaliyeedna ay dulmi tahay in beelaha hubeeysan laga sareeysiiyo beelaha aan hubaysneeyn ee aan dhibka geeysan, maantane nidaamkaasi ay wataan madaxdaasi. Madaxdaasi oo hor'muud u yahay Sh. Shariif Sheekh Axmed madaxweeynaha dowladda KMG Soomaaliya markii la weeydiiyey sababta ay u hir'galinayaan nidaamkaasi? waxay ku jawaabeen: xaq looma baahnee xal baa loo baahanyahay iyagoo qarinaya xaqa, baadilkana lagu dhaqmo, taasoo ka soo wada hor'jeeda beelaha aan hubeesneeyn.

Ilaa iyo maanta mala yaqaan habka xaqdarrada ah ee nidaamka 4.5ka meesha laga keenay, mana qabo dhaqanka Soomaalida, sidoo kale xittaa Sharciga Caalamka iyo Shareecada Islaamkaba. Haddii aan laga hor'tagin nidaamkaasi lagu qeeybin doono: xildhibaanada iyo wasiirada wuxuu u sii gudbidoonaa: agaasimayaasha guud ee wasaaradaha, taliyeyaasha militariga iyo boliiska, safiirada iyo qunsuliyiinta wakiil inooga noqon doona dowladaha caalamka iyo wixii la mid ahba iyadoo loo eegeeynin aqoonta iyo xirfadda aay leeyihiin ee lagu magacaabidoono kaliya nidaamka xaaraanta ee 4.5ka oo ah sunta ku dhex saaqan madaxda beelaha hubeeysan oo loo baahan yahay in loo helo daawo aay ku caafimaadaan.

Haddaba, waxaa ii caddaatay in madaxda qabqablayaasha beelaha hubeeysan ee wata habka 4.5ka in aay waxba ka aqoonin taariikhda Soomaaliya khaasatan kan Qoowmiyadda Banaadiri, sababtoo ah marne maku dhawaaqi laheeyn nidaamkaasi xaqdarrada ah hadii aqoon taariiqeed aay u lahaan lahaayeen ee aqoon darro ayaa u geeysatay.

Sidaas darteed, madaxda qabqablayaasha beelaha hubeeysan waxaan la socodsiinaa in xisbigii gobanimadoonka ee SYL oo la aasaasay taariikhda markii ahayd 15.05.1943kii oo ka koobnaa 13 dhallinyaro ah jn tiro ahaan u badnaayeen dhallinyarada Qoowmiyadda Banaadiri guddoomiyane u ahaa Xaaji Muxammad Xusseeyn; dhallinyaradaas waxaay diidanaayeen siyaasadda gumeeysiga oo aheeyd qeybi oo xukun.

Xisbigaasi baaqiisu wuxuu ahaa: '' AXYAA WADDANI, SOOMALIYEEY TOOSOOY IYO QABIIL QARAN MA DHISO ''. Dastuurka xisbigaasi waxaa ugu waaweeynaa kana mid ahaa: 

in dalka lagu hoggaamiyo diinta iyo shareecadda islaamka, in la cirib tiro dhaqamada xun-xun oo aay ka mid yihiin: qabiilka iyo qabyaaladda iyo is quursiga, in la hor'mariyo aqoonta , hiddaha iyo dhaqanka fiican. Haddaba, madaxda qabqablayaasha beelaha hubeeysan waxaan la talinayaa inta aay fal ku kicin ama suubin sida nidaamka 4.5ka in ugu horreeyntii iney xog'ogaal u noqdaan taariikhda beelaha Soomaalida khaas ahaan taariikhda dhabta ah ee qoreyaasha caalamka ay ka qoreen Qoowmiyadda Banaadiri, qoraaladaas aad ka heli kartaan bibliyooteegyada waaweyn ee caalamka, '' AQOON LA'AAN WAA IFTIIN LA'AAN'', '' GADAAL KA GAAR WAA GOOB DUMIS '', sababtoo ah muwaadhiniin ay u soo halgameeyn xor'nimada Soomaaliya maantane awood qeeybsiga lagu sheegaayo OTHERS ama NUS AH waa yaabee!!!.

Sidaas daraadeed, dhammaan guddiyada ururada qoowmiyadda Banaadiri ka dhisan dowladaha caalamka iyo siyaasiyiinta, diblomaasiyiinta, odayaasha dhaqanka, indheer garadka,caalimiinta, dhallinyarada iyo hooyooyinka waxaan u soo jeedinayaa in si deg deg ah aan u wada bilaawno 3da qodob inoogu muhiimsan oo ah kuwa soo socda:

B) In la abuuro guddi xalaal ah oo lagu magacaabaayoo: GUDDIGA DIFAACA XUQUUQDA SHACBIGA QOOWMIYADDA BANAADIRI, taasoo lagu gaari karo in aannu isku mowqif ahaano, codkeenuna uu ahaado hal kaliya, inaan ka qeeybgalno fadhi kasto la qabanaayo ee ku saabsan dib u dhiska dowladda Soomaaliya iyo dib u heshiisinta khilaafaadka ka taagan dowladda ku meel gaar ah iyo beelaha ka soo hor'jeeda oo annaga ka mid nahay;

T) si loo dhiso guddigaasi waxaan soo jeedinayaa in guddiyaasha ururadeena inooga ghisa dowladaha caalamka in ay soo magacaawdaan 2/3 qof si aan go'aan uga gaarno meeshii isku imaan laheeyn anigoo talo ahaan u soo jeedinaayo magaalada Genève ee waddanka Iswiiska.

J) ka qeybgalkeeynu shirarka la qabanaayo ee arrimaha dowladda Soomaaliya in doodeenu uu ahaado sidii aan ku soo cesha laheeyn xuquuqdeena iyo dhulkeenaba '' XUQUUQ IYO DHUL DHIMANAAYO WAA LOO DHINTAA '' Waxaan ku rajaweeynahay in arrimaheena oo idin soo jeediyey in si dhaqso ah u wada hir'galino, wada shaqeeyn joogto ahne aan wada yeelano, wa billaahi attoowfiiq.

aalfaqiih@hotmail.com




permalink | inviato da Banaadiri il 23/1/2012 alle 21:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


25 febbraio 2011

TACSI


Anigoo ku hadlayaa magaca Caa’ilada Cabaas Suufi Maxamed Majawe, waxaan tacsi u diraynaa Hooyo Madiixa, caruurteeda iyo ehelka Reer Faqi oo idil, tacsidaasoo ah mid tiiraanyo iyo naxdinta leh, lana xiriirta Allaha u naxriistee waalidkooda :

Marxuum Iikar Amiin Iikar

oo ku geeriyooday magaalada Sweden.

Waxaan Eebe ooga baryeynaa inuu Aabe Iikar ka waraabiyo Janadii firdowsa, ehelakii iyo caruurtii uu ka geeriyoodeyna samir iyo iimaan ka siiyo.

Amiin Yaa Allah.

Mudane Maxamed Cabaas Suufi




permalink | inviato da Banaadiri il 25/2/2011 alle 21:35 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


19 gennaio 2009

L'Ue conferma: Italia in grave recessione nel 2009

L'Ue conferma: Italia in grave recessione nel 2009
La Commissione Ue rivede drasticamente al ribasso le sue precedenti stime di crescita dell'economia europea (leggi il comunicato ufficiale in italiano) e prevede per il 2009 un crollo del Pil a quota -1,9%. Bruxelles spera che la ripresa possa manifestarsi entro la fine dell'anno e prevede che il 2010 si chiuderà con un +0,4%. La Germania chiuderà il 2009 a quota -2,3%, la Francia -1,8% e la Spagna, come l'Italia, a -2%.
Fonte: Unita


27 ottobre 2008

Nel Belpaese dell'intolleranza il microrazzismo quotidiano...,

Non ci sono solo aggressioni. In Italia la xenofobia passa anche attraverso gesti in apparenza minori. Sempre più numerosi

Nel Belpaese dell'intolleranza il microrazzismo quotidiano...,

di CARLO BONINI

ROMA - Il giorno in cui H., cittadino tunisino con regolare permesso di soggiorno, chiese di partecipare al bando comunale da sessanta licenze per taxi, scoprì che tassisti, qui da noi, si diventa solo se cittadini italiani. Il giorno in cui F. ed L., coppia nigeriana residente in Veneto, risposero a un annuncio per cuochi, scoprirono che l'albergo che li cercava, di neri non ne voleva. E "non per una questione di razzismo", gli venne detto dalla costernata direttrice della pensione, "perché in giardino, ad esempio", lavoravano "da sempre solo i pachistani". Il giorno in cui S., deliziosa adolescente napoletana, finì nella sala d'attesa di un pediatra di base di Roma accompagnata dal padre, alto dirigente del Dipartimento della pubblica sicurezza, realizzò che insieme a lei attendevano soltanto bambini dal colore della pelle diverso dal suo. E ne chiese conto: "Papà, perché da quando ci siamo trasferiti a Roma siamo diventati così sfigati?".

Il Razzismo italiano è un "pensiero ordinario". Abita il pianerottolo dei condomini, le fermate dell'autobus, i tavolini dei bar, i vagoni ferroviari. "Negro", una di quelle parole ormai pronunciate con senso liberatorio nel lessico pubblico, non nelle barzellette. Volendo, da esporre sulle lavagne del menù del giorno di qualche tavola calda, per allargare a una parte degli umani il divieto di ingresso ai cani.

L'Italia Razzista è la geografia di un odio di prossimità, che nei primi dieci mesi di quest'anno ha conosciuto picchi che non ricordava almeno dal 2005. Un odio "naturale", dunque apparentemente invisibile, anche statisticamente, fino a quando non diventa fatto di sangue. Il pestaggio di un ragazzo ghanese in una caserma dei vigili urbani di Parma; il linciaggio di un cinese nella periferia orientale di Roma; il rogo di un capo nomadi nel napoletano; la morte per spranga, a Milano, di un cittadino italiano, ma con la pelle nera del Burkina Faso; l'aggressione di uno studente angolano all'uscita di una discoteca nel genovese.

Dunque, cosa si muove davvero nella pancia del Paese? Al quinto piano di Largo Chigi, 17, Roma, uffici della presidenza del Consiglio dei ministri, Dipartimento per le pari opportunità, lavora da quattro anni un ufficio voluto dall'Europa la cui esistenza, significativamente, l'Italia ignora. Si chiama "Unar" (Ufficio nazionale antidiscriminazione razziale). Ha un numero verde (800901010) che raccoglie una media di 10 mila segnalazioni l'anno, proteggendo l'identità di vittime e testimoni. È il database nazionale che misura la qualità e il grado della nostra febbre xenofoba. Arriva dove carabinieri e polizia non arrivano. Perché arriva dove il disprezzo per il diverso non si fa reato e resta "solo" intollerabile violenza psicologica, aggressione verbale, esclusione ingiustificata dai diritti civili.

Nei primi nove mesi di quest'anno l'Ufficio ha accertato 247 casi di discriminazione razziale, con una progressione che, verosimilmente, pareggerà nel 2008 il picco statistico raggiunto nel 2005. Roma, gli hinterland lombardi e le principali città del Veneto si confermano le capitali dell'intolleranza. I luoghi di lavoro, gli sportelli della pubblica amministrazione, i mezzi di trasporto fotografano il perimetro privilegiato della xenofobia. Dove i cittadini dell'Est europeo contendono lo scettro di nuovi Paria ai maghrebini.


In una relazione di 48 cartelle ("La discriminazione razziale in Italia nel 2007") che nelle prossime settimane sarà consegnata alla Presidenza del Consiglio (e di cui trovate parte del dettaglio statistico in queste pagine) si legge: "Il razzismo è diffuso, vago e, spesso, non tematizzato (...) La cifra degli abusi è l'assoluta ordinarietà con cui vengono perpetrati. Gli autori sembra che si sentano pienamente legittimati nel riservare trattamenti differenziati a seconda della nazionalità, dell'etnia o del colore della pelle". Privo di ogni sovrastruttura propriamente ideologica, il razzismo italiano si fa "senso comune".

Appare impermeabile al contesto degli eventi e all'agenda politica (la curva della discriminazione, almeno sotto l'aspetto statistico, non sembra mai aver risentito in questi 4 anni di elementi che pure avrebbero potuto influenzarla, come, ad esempio, atti terroristici di matrice islamica). Procede al contrario per contagio in comunità urbane che si sentono improvvisamente deprivate di ricchezza, sicurezza, futuro, attraverso "marcatori etnici" che si alimentano di luoghi comuni o, come li definiscono gli addetti, "luoghi di specie".

Dice Antonio Giuliani, che dell'Unar è vicedirettore: "I romeni sono subentrati agli albanesi ereditandone nella percezione collettiva gli stessi e identici tratti di "genere". Che sono poi quelli con cui viene regolarmente marchiata ogni nuova comunità percepita come ostile: "Ci rubano il lavoro", "Ci rubano in casa", "Stuprano le nostre donne". Dico di più: i nomadi, che nel nostro Paese non arrivano a 400 mila e per il 50% sono cittadini italiani, sono spesso confusi con i romeni e vengono vissuti come una comunità di milioni di individui. E dico questo perché questo è esattamente quello che raccolgono i nostri operatori nel colloquio quotidiano con il Paese".
L'ordinarietà del pensiero razzista, la sua natura socialmente trasversale, e dunque la sua percepita "inoffensività" e irrilevanza ha il suo corollario nella modesta consapevolezza che, a dispetto anche dei recenti richiami del Capo dello Stato e del Pontefice, ne ha il Paese (prima ancora che la sua classe dirigente). Accade così che le statistiche del ministero dell'Interno ignorino la voce "crimini di matrice razziale", perché quella "razzista" è un'aggravante che spetta alla magistratura contestare e di cui si perde traccia nelle more dei processi penali. Accade che nei commissariati e nelle caserme dei carabinieri di periferia nelle grandi città, il termometro della pressione xenofoba si misuri non tanto nelle denunce presentate, ma in quelle che non possono essere accolte, perché "fatti non costituenti reato".

Come quella di un cittadino romeno, dirigente di azienda, che, arrivato in un aeroporto del Veneto, si vede rifiutare il noleggio dell'auto che ha regolarmente prenotato perché - spiega il gentile impiegato al bancone - il Paese da cui proviene "è in una black list" che farebbe della Romania la patria dei furti d'auto e dei rumeni un popolo di ladri. O come quella di un cittadino di un piccolo Comune del centro-Italia che si sveglia un mattino con nuovi cartelli stradali che il sindaco ha voluto per impedire "la sosta anche temporanea dei nomadi".

La xenofobia lavora tanto più in profondità quanto più si fa odio di prossimità (è il caso del maggio scorso al Pigneto). Disprezzo verso donne e uomini etnicamente diversi ma soprattutto socialmente "troppo contigui" e numericamente non più esigui. Anche qui, le statistiche più aggiornate sembrano confermare un'equazione empirica dell'intolleranza che vuole un Paese entrare in sofferenza quando la percentuale di immigrazione supera la soglia del 3 per cento della popolazione autoctona. In Italia, il Paese più vecchio (insieme al Giappone), dalla speranza di vita tra le più alte al mondo e la fecondità tra le più basse, l'indice ha già raggiunto il 6 per cento. E se hanno ragione le previsioni delle Nazioni Unite, tra vent'anni la percentuale raggiungerà il 16, con 11 milioni di cittadini stranieri residenti.

Franco Pittau, filosofo, tra i maggiori studiosi europei dei fenomeni migratori e oggi componente del comitato scientifico della Caritas che cura ogni anno il dossier sull'Immigrazione nel nostro Paese (il prossimo sarà presentato il 30 ottobre a Roma), dice: " È un cruccio che come cristiano non mi lascia più in pace. Se la storia ci impone di vivere insieme perché farci del male anziché provare a convivere? Bisogna abituare la gente a ragionare e non a gridare e a contrapporsi. Non dico che la colpa è dei giornalisti o dei politici o degli uomini di cultura o di qualche altra categoria.

La colpa è di noi tutti. Rischiamo di diventare un paese incosciente che, anziché preparare la storia, cerca di frenarla.

Si può discutere di tutto, ma senza un'opposizione pregiudiziale allo straniero, a ciò che è differente e fa comodo trasformare in un capro espiatorio. Alcuni atti rasentano la cattiveria gratuita. Mi pare di essere agli albori del movimento dei lavoratori, quando la tutela contro gli infortuni, il pagamento degli assegni familiari, l'assenza dal lavoro per parto venivano ritenute pretese insensate contrarie all'ordine e al buon senso. Poi sappiamo come è andata".

Se Pittau ha ragione, se cioè sarà la Storia ad avere ragione del "pensiero ordinario", l'aria che si respira oggi dice che la strada non sarà né breve, né dritta, né indolore. I centri di ascolto dell'Unar documentano che nel nord-Est del paese sono cominciati ad apparire, con sempre maggiore frequenza, cartelli nei bar in cui si avverte che "gli immigrati non vengono serviti" (se ne è avuto conferma ancora quattro giorni fa a Padova, alle "3 botti" di via Buonarroti, che annunciava il divieto l'ingresso a "Negri, irregolari e pregiudicati"). E che nelle grandi città anche prendere un autobus può diventare occasione di pubblica umiliazione, normalmente nel silenzio dei presenti.
Come ha avuto modo di raccontare T., madre tunisina di due bambini, di 1 e 3 anni. "Dovevo prendere il pullman e, prima di salire, avevo chiesto all'autista se potevo entrare con il passeggino. Mi aveva risposto infastidito che dovevo chiuderlo. Con i due bambini in braccio non potevo e così ho promesso che lo avrei chiuso una volta salita. L'autista mi ha insultata. Mi ha gridato di tornarmene da dove venivo. E non è ripartito finché non sono scesa". T., appoggiata dall'Unar, ha fatto causa all'azienda dei trasporti. L'ha persa, perché non ha trovato uno solo dei passeggeri disposto a testimoniare. In compenso ha incontrato di nuovo il conducente che l'aveva umiliata. Dice T. che si è messo a ridere in modo minaccioso. "Prova ora a mandare un'altra lettera", le ha detto.

Fnte: Repubblica


22 settembre 2008

USA: OBAMA, RAZZISMO POTREBBE COSTARGLI ELEZIONE...

di Emanuele Riccardi
OBAMA, RAZZISMO POTREBBE COSTARGLI ELEZIONE

NEW YORK - E' una considerazione agghiacciante, anche se in realtà non stupisce più di tanto gli addetti ai lavori: Barack Obama, il senatore nero dell' Illinois, rischia di perdere le elezioni presidenziali del 4 novembre a causa del razzismo, soprattutto nel Sud ex schiavista degli Stati Uniti, ma non solo.
E' vero che le cose vanno molto meglio rispetto ai tempi della segregazione razziale, una cinquantina di anni or sono. Ma é anche vero che una fetta significativa dei democratici bianchi, anche in seno a quella classe operaia che appoggiava Hillary Clinton, sconfitta da Obama alle primarie, non ama i neri, e rischia o di preferirgli il repubblicano John McCain o di non andare a votare.
Quindi, molto semplicemente e se non cambieranno le cose nelle prossime settimane, il razzismo anti neri di una parte significativa dell'elettorato bianco del Partito Democratico americano potrebbe davvero costare la Casa Bianca a Barack Obama.
Secondo un sondaggio Ap-Yahoo! condotto in collaborazione con la Stanford University, circa un terzo dei democratici bianchi giudica negativamente i neri, definendoli tra l'altro pigri, violenti e soprattutto responsabili della loro condizione negativa. La percentuale sale al 40% se si prendono in considerazione tutti i bianchi degli Stati Uniti.
Per conquistare la Casa Bianca, Obama ha assolutamente bisogno dell' appoggio dei democratici bianchi e degli indipendenti. Oltre un terzo di loro si è detto d'accordo con almeno un aggettivo negativo nei confronti dei neri, il che lascia supporre che molto difficilmente voteranno per il senatore nero.
Secondo Paul Sniderman della Stanford University, "ci sono molto meno razzisti rispetto a 50 anni fa, ma ciò non significa che i razzisti siano pochi". Secondo diversi osservatori politici americani, il fattore razza, oltre alla questione dell'aborto, potrebbero essere le cartine di tornasole dello scrutinio del 4 novembre.
Ne sono consapevoli i sondaggisti, che già raccomandano una grande prudenza sugli exit poll, dato che saranno in molti gli elettori bianchi che uscendo dal seggio dichiareranno di avere votato per Obama mentre in realtà avranno appoggiato il suo avversario.
Capire quale sarà l'impatto dell'aborto è difficile: la questione porterà indubbiamente elettori cattolici e democratici a votare per il candidato repubblicano John McCain visto che la sua vice Sarah Palin, il governatore dell'Alaska, é decisamente contraria all'interruzione volontaria di gravidanza. E' ovviamente impossibile capire quanti saranno, come non è possibile anticipare quante sostenitrici di Hillary, deluse dalla sua sconfitta, saranno disposte ad appoggiare l'anti abortista Sarah.




permalink | inviato da Banaadiri il 22/9/2008 alle 9:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


11 marzo 2008

Modella Somala : denuncia la polizia Belga - mi hanno trattato da prostituta perche' sono nera...,

ambasciatrice dell'Onu per la lotta alle mutilazioni genitali, 
denuncia la polizia belga di averla torturata ...,




























 (ANSA) - VIENNA, 11 MAR - L'ex modella di origine somala con passaporto austriaco, Waris Dirie, ha accusato la polizia belga di averla trattata da prostituta. Scomparsa la settimana scorsa per tre giorni a Bruxelles e ricoverata ora in un ospedale a Vienna, Waris, ambasciatrice dell'Onu per la lotta alle mutilazioni genitali, afferma che gli agenti,ai quali aveva chiesto aiuto perche'non trovava il suo albergo, l'hanno minacciata di arresto. 'Solo perche' sono nera, e' una vergogna', ha affermato...
Ansa




permalink | inviato da Banaadiri il 11/3/2008 alle 16:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


1 agosto 2007

Diidmo Magac cusub in loo handaso Beesha Banaadiriga

Ujeeddo : Xadgudub aan geed loogu soo gaban oo marlabaad la damacsan yahay in lagu sameeyo Qowmiyadda Banaadiriga, oo shirkii carta loogu yeeray Other’s, haatan la rabo in loo handaso magac cusub oo aan marnaba ogolaan doonin haddii aan nahay mutacalimiinta Banaadiri iyo mumatiliinta beesha aanu ka dhalanay.

Anagoo tixraaceyna warsaxafadeedkii aan horay u soo gudbinay, oo aan ku cadaynay sida wadicigu yahay iyo waxyaabaha aan tirsanayno, iyo kuwa aanu ka sugayno DFKS, waxaa qasab nagu noqotay inaan ku dhawaaqno ka sooo horjeedno magaca cusub oo ay rabaan inay dadka qaar noogu yeeraan amaba noo handasaan.

Waxaanu idinla socodsiinaynaa inay tahay arin aan gabsho lahayn, ahna xadgudub cad markii qof ku yiraahdo magacaygu waa C/raxmaan, adigana aad oogu yeerato magac aad jeebkaaga kala soo baxdo, sida ‘’adoonkayga’’.

Sidaas darteed waxaanu leenahay madasha shirka dib u heshiisiinta beelaha soomaaliyeed, Madaxweynaha DKFS, Ra’iisul Wasaaraha DKFS iyo dadka qaar oo raba inay magaca Banaadiri, ka badelaan Qowmiyadda Banaadiri/Beesha Banaadiriga – ooguna yeeraan ‘’Isbaheysiga beelaha Somaliyeed’’, magacan ayaa ah mid aanu diidan nahay, ka soo horjeedno, ogolaandoonin, raalina ka ahayn aqoonyahanada, culumaa’udiinka iyo siyaasiyiinta ka soo jeeda Qowmiyadda/Beesha Qowmiyadda Banaadiriga ee ku nool wadanka gudihiisa iyo dibadiisaba.

Waxaanu codsanaynaa anagoo tixraacayna Dastuurka, in dhulkeena hooyo uu noqdo dhul federaal ah, taasina ku salaysan sida dastuurka ku cad, federaalkana in micnihiisu lagu dhaqmo, ha ahaato, maamulka, siyaasada, mumatil nimada iwm.

Waxaan ku adkaysanaynaa haddii aan nahay Guddiga Banaadiriga ee Italy, in nalaga daayo maquuninta iyo xadgudubka nalagu hayo muddo laga joogo 17sanadood, waxaan kaloo cadaynaynaa in magaceenu yahay Qowmiyadda/Umadda/Bessha Banaadiriga, oo aan marnaba ogolaan doonin magacyo ay iska soo handasaan dad aan xaqba u lahayn.

Guddiga Banaadiriga ee Dalka Talyaaniga (ACBI)

Italy, Rome August 1, 2007




permalink | inviato da Banaadiri il 1/8/2007 alle 17:24 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


30 luglio 2007

warqad furan ku socota Madaxweynaha, Ra'iisul wasaaraha Soomaaliya iyo shirgudoomiyaha shirka dib u heshiisiinta ...

 

Ku Madaxweynaha DFKS Fadhigiisa Muqdisho

Ku Ra’iisul Wasaaraha DFKS Fadhigiisa Muqdisho

Ku Shirguddoomiyaha shirka dib u heshiisiinta beelaha daga dhulka Soomaaliyeed Muqdisho

Ujeeddo : soo dhaweyn go’aanka cusub ee la xiriir magaca others in la baabi’iyo & u dirid DFKS codsi adag ee la

xiriira dhulka Banaadiriga, xuquuqdooda iyo inayan maamulin gobolkooda dad koyta ah,

Walaalayaal waxaan shaki ku jirin in shirwaynahan uu yahay kii oogu horeeyay ee waddanka gudihiisa lagu qabto muddo haatan laga joogo 17sannadood, oo ay maalin waliba qolooyin qabsanayeen magaala madaxda dhulkeena hooyo.

Shir dheer oo socday laba maalmood oo lagu qabtay magaalada Talyaaniga, ayaa waxay go’aansadeen, guddoonka Urur Dhaqmeedka Banaadir ee Dalka Talyaaniga (UDBDT), inay soo gudbiyaan rayigooda iyo sida ay u arkaan xaalada maanta waddanka ka jirta iyo sidii loo soo celin lahaa kala danbeyntii, sharaftii, xuquuqdii ay beel waliba lahayd iyo in beel waliba loo soo celiyo xaqeeda oo aan afka layska marin.

Guddoonka Beesha Banaadiri ee Talyaaniga (UDBDT), waxay soo jeedinayaan arimaha hoos ku xusan:

- In laga raali galiyo qowmiyada Banaadiriga seedbursiga loo gaysatay doorashadii lagu soo doortay xildhibaanada dhulkeena hooyo, heshiiskii oogu dambeeyay ee Nayroobi /Kenya;

- In wasaaradaha DFKS ee dhulkeena hooyo loo qaybiyo si xaq ah, oo laga dheeraado seedbursiga, iyo in wax laga badalo wasaaradaha oo idil ee loo dhiibay beelaha hubaysan kaliya;

- Inay DFKS, iska xilsaarto, sidii, si xaq ah loogu soo celin lahaa dhulka banaadir dadka u dhashay oo aan shaki ku jirin inay yihiin qabaa’ilada asalkoodu yahay carab ee dhisay magaalooyinka oogu facweyn, uguna qiimo weyn ee ku yaala waddanka guddihiisa gaar ahaan koofurta Soomaaliya, qaba’ilada Bantuga ah, kuwa loo yaqaan Kushitiga iyo Baajuunta;

- In maamulka gobolka Banaadir, iyo magaalooyinkiisa oo ka kooban – Muqdish, Daafeed, Marka, Baraawe, Kisimayao, jasiiradaha Baajuun ilaa iyo magaalada xuduuda la leh Kenya oo ah Raskiyamboni, loo daayo maamulkeeda Banaadiriga u dhashay oo xaqa u leh inay ayaga maamulaan dhulkooda iyo magaalooyinkooda;

- Maadaama ay DKFS ku guddo jirto xal u helida dhulkeena hooyo, iyo nabadeynta qabaa’ilada iyo xasiloonid u raadinta dhulkeena hooyo, waxaa codsi adag naga ah in nalaga daayo xaqdarada iyo in maalin kasta na’iloo raadiyo shaqsiyaad aan u dhalan dhulkeena Banaadir,ahayna Banaadiri si ay u maamulaan magaalooyinkeena iyo gobolka Banaadir;

Waxaan rajaynaynaa inay DFKS, ay noqoto mid si xaq ah wax u qaybisa, soo afjartana awooda iyo seed bursiga ay lahaayeen/leeyihiin beelaha hubaysan, kuwaasoo 17sannadood ee dagaalka sokeeye ku xad gudbay qowmiyadda Banaadiriga.

In loo xil saaro maxkamad gaar ah, dhacii, boobkii, kufsigii iyo waxyaabihii insaanimada ka baxsanaa ee loo gaystay qowmiyadda Banaadiriga.

Inaan la samayn doorasho, noockastaba ha ahaatee ee dhulka Banaadiriga, ilaa iyo intii ay ka soo noqonayaan beesha xaqa u leh, oo dadkeeda badankiisa si xoog ah looga eryay dhulkooda.

Anagoo ku hanweyn, rajaynaynana in DFKS, ay noqoto mid daacad ah, kana duwan kuwii hore ee la soo dhaafay, waxaanu idinka sugaynaa jawaab adag, oo dhaqsi ah, si aan u ogaano wadciga, iyo sida ay DFKS oogu danaynayso beelaha aan hubaysanayn, kuwaasoo walow xataa haddii ay ka badan yihiin beelaha kale lagu tilmaamo, beelaha laga tiro badan yahay, arintanoo ayana ah mid aan dhab ahayn.

Guddoonka Qowmiyadda Banaadiriga ee Dalka Talyaaniga (ACBI)

Italy/Rome, 29-07-07




permalink | inviato da Banaadiri il 30/7/2007 alle 16:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


5 luglio 2007

I Cattolici Inglesi ...

I cattolici inglesi frenano il Papa "La Messa in latino è antisemita"

La protesta, dopo la decisione di Benedetto XVI di riammettere il rito Tridentino Ci sono espressioni molto pesanti come: "Perfidi giudei"




permalink | inviato da Banaadiri il 5/7/2007 alle 7:51 | Versione per la stampa


3 luglio 2007

Afghanistan...

Roma, al via la conferenza sull'Afghanistan l'Onu preoccupata per le vittime civili
Karzai arrivato a Ciampino. Domani interverranno Ban Ki-Moon e Massimo D'Alema Saranno 26 le delegazioni di governi e organizzazioni presenti




permalink | inviato da Banaadiri il 3/7/2007 alle 7:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


29 giugno 2007

Afhayeenka Huubsireed..









Afhayeenka Madaxwaynaha Dowlada Federaalka ah ee Soomaaliyeed Mudane Hussein Maxamed Huubsireed ayaa Gabi ahaanba ka Caafimaaday Dhaawacyadii ka Soo Gaaray Weerarkii Gaadmaada ahaa ee lagu Soo qaaday 18/06/2007, Waxaana uu haatan ku soo wajahanyahay Caasimada Soomaaliya ee Magaalada Muqdisho oo hawlihii uu Qaranka u hayay ka sii wadi doono.
Idamaale




permalink | inviato da Banaadiri il 29/6/2007 alle 15:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


27 giugno 2007

Simbolo della Sinistra Democratica...

 Simbolo di Sinistra democratica 

logo




permalink | inviato da Banaadiri il 27/6/2007 alle 7:42 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


22 giugno 2007

Cgil ...

Montezemolo attacca il sindacato




Cgil, Montezemolo nuovo populista

SecoCgil, secondo confederazione 'cerca avventura politica



(ANSA) - ROMA, 21 GIU - 'Sorpresa e irritata' si e' detta la Cgil per le parole di Montezemolo, sul sindacato che rappresenterebbe i fannulloni. Nel si ...




permalink | inviato da Banaadiri il 22/6/2007 alle 7:53 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


22 giugno 2007

G8, indagato il capo della polizia De Gennaro...

 

Gianni Di Gennaro, 120x120, foto Ansa, 21/6/2007

G8, indagato il capo della polizia De Gennaro

Il capo della polizia De Gennaro sarebbe indagato per istigazione alla falsa testimonianza per i fatti del G8 del 2001. La notizia arriva dopo le polemiche scatenate dalla Cdl sulla sostituzione di De Gennaro alla scadenza del settimo anno di incarico, cioè entro breve tempo.
Fnte: Unita




permalink | inviato da Banaadiri il 22/6/2007 alle 7:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


22 giugno 2007

Sd...

USCIAMO DALLE TRINCEE

di Loris Campetti

Fabio Mussi
Fabio Mussi
Torniamo ad una politica di contenuti e valori. Il governo si salva se si corregge la rotta. Una critica al capitalismo aiuta a ricostruire le radici di una sinistra di massa

Posted in




permalink | inviato da Banaadiri il 22/6/2007 alle 7:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


18 giugno 2007

Banaadiri - Marka ...

 banaadir_marka_20070615_1.jpg (152975 bytes)
banaadir_marka_20070615_2.jpg (138662 bytes)
banaadir_marka_20070615_3.jpg (130774 bytes)




permalink | inviato da Banaadiri il 18/6/2007 alle 8:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


24 gennaio 2007

destra Tagliamento ...

destra Tagliamento
A mezzanotte va la ronda...
A sentire i rapporti delle forze dell’ordine per il 2006, pare che la Destra Tagliamento sia più sicura che in passato. I carabinieri hanno comunicato di aver registrato un calo di furti (300 in meno rispetto al 2005) pari al 9,75 per cento. Allo stesso tempo hanno riscontrato un minor numero di rapine, per l’esattezza una decina.
In aumento invece il controllo del territorio da parte dell’Arma: nel 2006 sono state identificate circa 62 mila persone, rispetto alle 51 mila dell’anno precedente, e sono stati fermati e controllati 55 mila veicoli, 11 mila in più del 2005. Anche la Polizia ha fatto sapere che la situazione è migliorata, come ha spiegato il questore di Pordenone Vincenzo Carella, secondo cui le statistiche, analizzando le denunce presentate, testimoniano come la criminalità nel Pordenonese sia a livelli molto bassi. La maggiore presenza di poliziotti sul territorio avrebbe anche portato i cittadini a fidarsi di più delle forze dell’ordine e a collaborare maggiormente rispetto al passato.
Eppure, a sentire i vertici provinciali della Lega Nord, c’è ancora molto da fare riguardo alla sorveglianza del territorio. E così le “ronde padane”, appena partite in Veneto, si stanno attrezzando per le prime perlustrazioni in provincia. Squadre di novelli “sceriffi” saranno pronte, entro fine gennaio, a dare il via ai controlli nel Far west pordenonese. Al posto della pistola, un telefono cellulare e un binocolo a infrarossi. Al posto del cavallo, un potente gippone munito di apposito faro. Primo sostenitore del progetto, è il neoeletto segretario provinciale del Carroccio, Enzo Bortolotti, che ha più volte ribadito: “La nostra iniziativa mira soltanto a restituire un po’ di tranquillità alle persone che di notte sono ormai costrette a barricarsi in casa. Il nostro compito non è quello di sostituirci alle forze dell’ordine, ma solo di aiutarle a pattugliare il territorio, allertandole quando si nota qualcosa di sospetto”. Molte persone si sono già presentate personalmente, o hanno telefonato, per aderire alle ronde. Sono circa una cinquantina i volontari, non solo aderenti alla Lega, che hanno dato la disponibilità a partecipare. Un numero che consentirà l’utilizzo di una quindicina di equipaggi. Si partirà alla fine del mese dal capoluogo, ma la volontà è quella di estendere sempre di più il raggio d’azione. Una prima prova Bortolotti l’ha effettuata nel territorio di Azzano X, di cui è sindaco. Da tempo, 21 volontari (leghisti e non) stanno sorvegliando le zone più a rischio, monitorate tra l’altro da 27 telecamere. Risultato? I reati si sarebbero ridotti del 30 per cento. Ma le polemiche non mancano. Contro le ronde si sono scagliati i sindaci di Pordenone e Roveredo, Sergio Bolzonello e Renzo Liva, e la gran parte dei politici di Centro-sinistra. Le stesse forze dell’ordine non paiono entusiaste dell’iniziativa che “invade” il loro campo d’azione. Ma anche se molti Comuni si stanno dotando di nuove telecamere per la videosorveglianza, è il caso di Sacile, Maniago, San Vito al Tagliamento e Pordenone, nei cittadini una certa idea di insicurezza serpeggia ancora, visto che, mondo politico a parte, in pochi hanno preso le distanze dall’iniziativa. Tra questi ci sono i cittadini vicini ai movimenti anarchici, che si autodefiniscono “Critical Mass Antironde” di “Iniziativa Libertaria”, che non vogliono assolutamente sentir parlare di residenti barricati in casa e clima di terrore notturno. “Il comitato - spiega Lino Roveredo, uno dei promotori - é preoccupato dalla virata autoritaria del partito della Lega e dal possibile inasprimento nei rapporti, di gran lunga pacifici e rispettosi, tra migranti e nativi”. Allora ecco l’idea per controllare le ronde in un intercambiabile gioco a “guardia e ladri”: gli aderenti a “Iniziativa Libertaria” seguiranno in bicicletta i potenti fuoristrada dei nuovi sorveglianti. Nei giubbotti in dotazione ai ciclisti ironicamente dovrebbe comparire la scritta: “L’unico Padano buono è il Grana”. Inoltre è stata perfino attivata una casella di posta elettronica a cui possono scrivere coloro che sono contrari all’iniziativa leghista (antironde@gmail.com). Non è mancata la replica a riguardo del segretario Bortolotti: “Non ci curiamo di queste prese di posizione - ha ribattuto -, ma invitiamo comunque queste persone a unirsi a noi. Invece di intralciare la nostra opera di pattugliamento viaggino assieme ai nostri volontari, e diano una mano per invertire il trend relativo alla crescita di furti e microcriminalità. Noi non abbiamo nulla da nascondere e non giriamo armati. Se vogliono, vengano pure a controllare”. Da fine gennaio parte il pattugliamento. Non resta che augurarsi che le forze dell’ordine, nella notte pordenonese, non debbano intervenire per dividere “controllori” e “controllati”.




permalink | inviato da il 24/1/2007 alle 20:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


6 dicembre 2006

shirkii Igad & Maxaakiimta ...




permalink | inviato da il 6/12/2006 alle 7:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

sfoglia     gennaio       
 

 rubriche

Diario
La Regione del Banaadir
ACBI
Immigrazione
Informazione dal Banaadir e dalla Somalia
Esteri
Africa
Politica
Informazioni Utili in Italia
Libri di Storia sul Banaadir e sul Corno d'Africa
Dhalasho

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

Puntland News Media
Università di Bologna
Democratici di Sinistra
L'Unità
Amnesty International U.K.
United Nation
Banaadiri Bibliography
Yemen Times
Sito utile della Somaliland
Sito dell'UNHCR
Unione Europea (UE)
Khaleej Times UAE
Sultanate of Oman - OMAN -
CISL Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori
(CGIL) Confederazione Generale Italiana del Lavoro
Ministero degli Interni
Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali
Banaadir Community in New Zealand [Home]
Nigrizia.it - il sito dell'Africa e del mondo nero
News Asmarino Com Front Page
Rivista 'Africa e Mediterraneo
League of Arab States Information
Arab News Paper Al Hayat
Bantu del Banaadir(Som)
Somaliland Times
Petracci Studio
Notizie per gli immigrati in Italia
Assoc. Areas nel FVG-Italy
Southern Somali Union
Sito Nuredin Scikei
La Regione del Banaadir
La Regione del Banaadir
sito Utile
Banaadir Community in Kuwait
banaadir Italia
DPR 334/04
Ilaria alpi
Associazione Culturale WarNews
Baidoa
guulane
Regione Emilia Romagna
Regione Friuli Venezia Giulia
Rivista Popoli
Riviste Italiane Utili
Rivista Intern. di Architettura
Rivista Internazionale in Italia
Istat - Italaina
Consiglio Nazionale dell'Economia e del Lavoro-CNEL
Comune di Pordenone
Comune di Roma
Comune di Gorizia
Eurostat
Risultato Elezione Amministrative del 2003 - in Friuli V.G.
Emergency - di Gino Strada
MATILDE MADRID
SERGIO COFFERATI
markacadey- net
Banaadir - Italy - ACBI
PAOLA T. BRUNI
GRUPPO 85
POPOLI
INTERNAZIONALE
ESPRESSO
LIUTPRAND - Alberto Arecchi
AIR ONE - ITALY
RYANAIR - ITALY
VOLARE - ITALY
Cultural Orientation Resource Center
Ansa Italiana
Nuccio Iovene
Un Ponte Per ...
Sito Utile . Asia
Sito Utile USA
Comuni Italiani
Mod. auto
Ajeeb
Nessuno.tv
Muslim Friendship
Gazzetta della Politica
Telefonate Gratis dal P/C - Inform.
Inform. Dal Medio Oriente & Mondo Arabo
Islam Ciid Card
Al Faqi (Qataan)
Alternative Media
Il Manifesto
Ajeeb.trans.utile
Al Jazeera
markacadeey
mercurio
Blog
Sito Banaadiri
Music
Banaadiri-Splinder
RaiNews24
Manifestazione ITALO/AFRICA
Banaadiri-1
banaadiri
STFG-Somali Federal Gov
SOuthern Somali Union
mercurio
Petracci

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom