.
Annunci online

  Banaadiri [ Banaadir-Una regione antica dell'Africa Orien.Banaadir intendiamo quella fascia costiera dalla cittadina di Warshiikh a nord di Mogadiscio fino a Raskiyamboni verso il confine col Kenya,Kisimayo inclusa.I banaadiri hanno origne araba,Bantu&Cuscito ]
 
La Regione del Banaadir
 


Banaadiri in Italia

           
banaadiri@gmail.com
Il territorio dei Banaadiri - indicato con la manina - nel Corno d'Africa


Il Territorio dei Banaadiri
Copyright Banaadiri - Ask Banaadiri to use


Messaggi di saluto e sostegno inviati durante la manifestazione Italia Africa del 2004
Festa d'Africa Festival 2005



Two thousand seasons of rain
When incense weeps

By Irena Knehtl
For the Yemen Times



Mappa -indicazione del Banaadir nel Continente Africano-Banaadiri


Enzo Biagi














Questo blog sostiene la nomina
di Enzo
Biagi Senatore a Vita.


Copyright Banaadiri - Ask Banaadiri Italy

Contact Banaadiri Italy:
banaadiri@gmail.com

 Copyright Banaadiri - Ask Banaadiri Italy






Emblema Storica 
   del 
Banaadir.


Foto botte parlamentari Somalia - Allpuntland






Dagaalkii Ka dhacey Barlamaanka
Le botte e bastonate che si sono date parlamentari
Della Somalia Federale in Kenya
 (Video from Reuter)


Copyright Banaadiri - Ask Banaadiri Italy

Copyright Banaadiri - Ask Banaadiri Italy

Copyright Banaadiri - Ask Banaadiri Italy


United Nations Environment
Programme:
After the
Tsunami: Rapid Environ-
mental Assessment

 

A place for poetry
The Maldives and the post-Tsunami era

By Irena Knehtl
iren_knehtl@yahoo.com
For The Yemen Times

Poetic images from the desert
Beauty in the barrenness of the Empty Quarter

By Irena Knehtl
iren_knehtl@maktoob.com
For The Yemen Times


Protest letter concerning the
future political order of Federal
States of Somalia and the
position of the Banaadiri and
the Banaadir

Mr. Mohamed Abbas Sufi
President of the Banaadiri
Community in Italy
Abokar M. Sadiq
President of the Banaadiri
Community in Switzerland
 
Full Story...
 
Yemen Times-Sana'a/Yemen

Human Rights Watch

Rapporto-denuncia
su torture e maltrattamenti
nelle prigioni Iraqene



Leggi...

Costituzione Europea
Il Testo finale

Leggi...

Reporter

Reporter Associati
e Paolo Mondani su EcoRadio



Tutti i giorni
dal Lunedì al Venerdì
dalle 19.15 alle 19.45

Entra...



Amin Amir's Cartoon ...


Samir's Cartoon
Yemen Times


The culture of people of
Banaadir (part 2)


Yemen Times
Henna - one of the famous traditions
of Banaadir.

Irena Knehtl & Mohammed Abati
For Yemen Times
iren_knehtl@yahoo.com



The culture of people of Banaadir (part 1)

Yemen Times

Banaadiri women weavering outdoors.

By Irena Knehtl &
Mohammed Abati*
For the Yemen Times
iren_knehtl@yahoo.com


29/9/2004
Nr. 559-01/08 October 2004
Africa e Medio Oriente
Somalia - Banaadir, il paese dei
porti  - per tramite
President of Banaadiri Community in Italy
di Mohamed ABBAS



home page liberate la pace
Assoc. Un Ponte per ...
www.unponteper.it


 

 

 

 

 





Banaadiri, The renewal of a
    
millenary identity’ is
      
published, Italy.
       
In order to have
          it contact us

 



New
Corno d’Africa, fuga dall’inferno
di E. Casale &
Mohamed ABBAS Sufi

Si trova già in edicola
Published in June 2004

 



Novembre 2003
Attualita italiana/Immigrazione
di Bianca S. = Mohamed Abbas
PANORAMA - Fuga dalla Nazione
che non esiste più |
 
Con la guerra civile, lo stato è nel caos.
Non c'è il governo e neppure l'anagrafe.
Così, i profughi che sopravvivono alla
traversata non possono neanche
chiedere asilo politico. 
 

 


Rivista Africa & Mediterraneo
Nr. 3/01 (37) - Totale Pag. 80 pp
Situazioni
Banaadir, un popolo e un'identità
negata a cura di Mohamed Abbas Sufi

 

 

 

 

 



 

Nuredin Hagi Scikei
Somalia: un’invenzione italiana
















 
Congresso Internazionale sul Corno d'Africa
Seminaire de Rome sur la Corne d'Afrique
Il Congresso Internazionale
Corganizzato dall'ACBI con
L'università di Bologna, sul
Tema ''
The Horn of Africa between
History, Law and Politics'' 2002/2003
Il programma nel sito dell'Univ. di Bo

Horn of Africa - UniBo Magazine





 
Immigrati e italiani: il futuro è convivenza



Profile and Book Review
BANAADIR: The Country of Harbors

By Irena Knehtl

Marka. This coastal city is 50 km south of
Mogadishu, and was founded by the Arab
Banaadiris.

iren_knehtl@yahoo.com
For the Yemen Times












 

 




ASSOCIAZIONE CULTURALE DEI BANAADIRIANI
IN ITALIA (ACBI)
-
I Banaadiri sono un popolo
multietnico e mutliculturale che abitano nel
Corno d'Africa.Essi sono composti da popolazione
di origine Araba, Bantu e altri gruppi Cusciti.
Banaadir è una delle regioni più antica
dell'attuale Somalia,  ed il suo capoluogo è
Mogadiscio detta anche '' XAMAR''.
Il sito  - websitedei banaadiri in Italia :
    
www.banaadiri.org   

moh_cabbas.jpg (30017 bytes)

 


Presidente dei Banaadiri in Italia ( ACBI).
Il presidente dell'Associazione Culturale dei
Banaadiriani in Italia - ACBI, è uno membri 
attivi e promotore del gruppo che fondo’ la
stessa Associazione.
Egli è
uno dei portavoce del Popolo Banaadiri
nel mondo,
e si propone di stimolare l'attenzione
delle cancellerie inter
nazionali, sopratutto in
Europa, con proposte che possono
contribuire
alla soluzione politica dei gravi problemi del
Corno
d'Africa (una regione legata all’Italia da
 una lunga storia di rapporti culturali, politici,
economici e sociali). 

 

 

 

 

 


Foto di Gruppo del Congresso Internazionale
sul tema Corno d'Africa tra Storia, Diritto e Politica,
coorganizzata con l'Univ. di BO - Copyright ACBI

 

 

 


 


Foto di un Gruppo di Banaadiri al secondo
Congresso Intern. dei Banaadiri in Netherland
anno 2002 - Copyright ACBI

 

 

 

 

  

President of Banaadiri     President of Banaadiri Italy
Italy                                  Netherland

 

 

 

 

 
President    Banaadiri   President    Banaadiri
Swiss                              United Kingdom
 

 

 


 


President    Banaadiri   President    Banaadiri
Swiden                            Minesota - USA
  

 

 

 

 


Giornalista Banaadiri   Intellettuale Banaadiri

 

 

 

 

 Rappresentanti dell'Istituzioni Ollandese

 

 

 

 

Intellett. Banaadiri       Resp. giovani Banaadiri 

 

 

 

 

Intellettuale Banaadiri     Intellett. Banaadiri 





 



Salim H. Mao/Master of Markacadeey

salim_mao_3 copy.jpg (23919 bytes)

Foto di gruppo di banaadiri in Ollanda

all6 copy.jpg (45476 bytes) 
engabbas.jpg (24845 bytes)
holland2.jpg (29259 bytes)
salim2.jpg (26418 bytes)
odoyaal1.jpg (30240 bytes)
all3 copy.jpg (41122 bytes)
aweys_khamis2.jpg (32550 bytes)
odayaal5.jpg (41019 bytes)
odayaal9.jpg (42898 bytes)
odayaal10.jpg (40083 bytes)
shirka_2aad_13.jpg (44490 bytes)
sharif_cumar.jpg (39870 bytes)
anisa.jpg (41556 bytes)
guud1.jpg (43205 bytes)
guud4.jpg (44304 bytes)
ikar1.jpg (34306 bytes)
















muridi1.jpg (39339 bytes)
A.jpg (25929 bytes)
sharif_cumar3.jpg (35901 bytes)
aweys_axmed.jpg (41225 bytes)
buwe.jpg (34499 bytes)
x2.jpg (35790 bytes)
holland2.jpg (29259 bytes)
shirka4.jpg (25652 bytes)
sharif_cali.jpg (27221 bytes)
moh_cadde.jpg (29983 bytes)
oday4.jpg (23065 bytes)
nuur_sharif2 copy.jpg (23995 bytes)
maclow1.jpg (33075 bytes)
ibrahim.jpg (24127 bytes)
 
oday11.jpg (18210 bytes)
minesota.jpg (33746 bytes)
moh_xabib.jpg (27007 bytes)
from_swiss.jpg (22827 bytes)


Contact Banaadiri in Italy:


banaadiri@gmail.com
or,
banaadiri1@yahoo.it


29 giugno 2007

Jaaliyadda Yemen ee Soomaaliya...

 

Waxaa Xarunta Jaaliyadda Yemen  oo ku taala Degmada  Shibis ee magaalada Muqdisho ka dhacaday xaflad si heer sare ah loo soo agaasimay oo ay ka soo qeybgaleen  Jaalaiyadda Yemen dadka loo yaqaan  Carab Soomaali iyo mas`uuliyiin marti sharaf  kale  oo lagu casuumay xafladda Caleemo saarka guddoomiyaha cusub  ee Jaaliyadda Carab Soomaali.




Cabdalla Maxamed Cabuud  ayaa si dimoqraadiyad  ah ay u doorteen dadka ku abtirsada Jaaliyadda Yemen ama Carab Soomaali ee ku dhaqan dalka waxaana uu ahaa xafladda maanta mid  lagu maamuusayay Caleemo saarka Guddoomiyaha  Cusub Cabdalla Maxamed Cabuud.

Xafladaas oo ay ka hadleen mas`uuliyiin kala duwan ayaa waxaa ka mid ahaa Odoyaal dhaqameedyo iyo mas`uuliyiin ku kala hadlayay magaca Odayaasha  Jaaliyadda , dhinaca bahda isboortiga uu  Ibraahim Xuseen Cali (Roombo) iyo  Gobolka Banaadir oo ka soo qeybgalay  Muriidi Golof oo ah Guddoomiye ku xigeenka G/Banadir Arimaha Howlaha Guud.




Guddoomiyaha Jaaliyadda Yemen  Cabdalla  Maxamed Cabuud  oo ka hadlay Xafladda Caleemo saarkiisa ayaa sheegay inuu ka shaqeyn doono isku xir  dadka u dhashay Yemen ee Soomaalida  wuxuuna sheegay inuu si wanaagsan ugu adeegayo  wuxuuna ka codsaday Jaaliyadda Yemen ee ku dhaqan Soomaaliya in ay ku gacansiiyaan howsha ay u doorteen.


Xafladda lagu Caleemo Saarayay guddoomiyaha Cususb ee Jaaliyadda  Yemen ama (Carab  Soomaali)  waxaa ka soo  qeybagalay mas`uuliyiin ka tirsan Golaha Barlamaan , G.O.S, gobolka Banaadir , aqoonyahano ,ganacsato iyo  odoyaal dhaqameed isugu jiray Yemeniyiin iyo Soomaaliba  wuxuuna ku soo idlaatay  caleemo saarka guddoomiyaha jawi farxad leh.





permalink | inviato da Banaadiri il 29/6/2007 alle 7:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


27 giugno 2007

Mr. Abbas Chairman of The Cultural Association of the Banaadiri in Italy (ACBI)...

 Mohamed Abbas: "The Banaadiri Are The Most Persecuted People In Somalia…".

The following is an excerpt of an exclusive interview given to Idamale News by Mohamed Abbas, the Chairman of The Cultural Association of the Banaadiri in Italy (ACBI). Mohamed Abbas is a Banaadiri decent intellectual, he was born in Mogadishu and he is a descendant of one of the most important clans (Al Faqi – Reer Faqi), of Banaadiri who open and construct the Mogadishu City State from null since 900AD, there origin were from Yemen, the above clan were a religious dynasty appointed by the Banaadiri as administrators of justice in the territory from the Middle Ages until the first years of the italian occupation. He graduated in Economic and Commerce at Mogadishu and since 1991 he has been active in the defence of the violated rights of the Banaadiri clans/people's in this last 16years of war in Somalia.

The far reaching interview covers everything from the long history of the Banaadiri people's to the current changes sweeping their ancestral homeland '' region of Banaadir in the southern east of Somalia.

Idamale - Mr. Abbas, how do you view the current changes sweeping Somalia in general and Southern Somalia in particular?

Abbas - I consider the phenomenal changes sweeping my homeland as positive after more than 16 years of uncertainty. But there are issues I would like to underline in the light of these changes especially as it concerns my people. I am aware of the untold suffering of all the Somali people but I would like to emphasize the disproportionate suffering of the Banaadiri people. The unarmed and peaceful Banaadiri were attacked and indiscriminately massacred in their homes by armed groups from other parts of the country. In the cause of this unprovoked attack, the Banaadiri were displaced, subjected to genocide, robbed, raped and generally violated to an extent never seen before. During these gross human right violations against them the economy of the land and the social welfare of the Banaadiri people were destroyed. Whole generation of school age children went without any formal education and unspeakable modes of slavery was perpetuated on whole populations. I therefore consider the current changes as encouraging and that there is a light at the end of the tunnel.

Q - Do you consider the brief administration of the Union of Islamic Courts as a period during which your people might have breathed some air of freedom and liberty?

A - It is important to note that the Banaadiri youth were encouraged to stop complaining and start defending themselves like everybody else. During the 6 months the ICU were in power there were substantial reductions in acts of violence against the Banaadiri people generally as it was in all places under the rule of the ICU. I have certain reservations about the ICU however. I consider their views extreme and their sense of justice absurd. If we are to understand the swift, bloodless and popular takeover of vast territories we have to visit their methods and messages. I say that because many young men and women of all clans have joined their ranks and only time will tell whether their popularity was justified or not.

Q - What do think about the 4.5 formula on which power has been shared amongst the Somali leaving people, considering the fact that the people you represent are spread over the entire coastal region of Banaadir between Warsheekh, Mogadishu and Kismanyo?

A - We should not forget that the DFKS is based on clan quotas and that all members of Parliament represent their respective clans. We all remember that in the late 1990s during one of the first reconciliation conferences held inside the country the Banaadiri delegates were hijacked and held hostage because their detractors considered them non-Somali and therefore uninvited to the conference. It was only after Daarood elders insisted on their unconditional release and participation in the Conference were they set free and allowed to take their rightful place in the Conference Hall.

There is no doubt that the Banaadiri people were responsible for the spread of Islam all along the East African Coast between Somalia and what now Mozambique is. History books are also is full of stories about the Banaadiri Coast as early as 1500 AD when the Portuguese navy witnessed high rise buildings and organized communities in Mogadishu complete with their armies and civil administrations. They were unable to colonize the Banaadiri City States and could only bombard the city from ships off shore (you may refer to the history of East Africa, especially the travels and exploits of Vasco Da Gama).

I wish to add very quickly here that we the Banaadiri are not interested in ruling the whole of Somalia . You are aware that the Presidency, the Premiership and the entire cabinet has been allocated to one clan or another. What we are asking for us, only what is naturally and indisputably ours-the administration of Banaadir Coast cities, which is all lands between Warsheekh, Mogadishu and till the Kenyan border. I also take this opportunity to ask the other Somali clans to re-evaluate themselves and show respect for each other and especially for the unarmed communities of the South who have been disenfranchised in the current power structure.

Q - How would you interpret the appointment of a Banaadiri to the Governorship of Banaadir Province?

A - First of all it is very important for all of us to define who is a Banaadiri and who is not. Banaadiri in the way it is known, now is a tiny fraction of what it is historically. In its historical form Banaadir comprises of the following cities Warshiikh, Mogadishu, Marka, Baraawe and Kismanyo and all the way to Ras Chiamboni at the southern tip of Somalia. The Banaadiri are a people's comprising of people's of Arab origin, Bantu and Cushitic people's. A Banaadiri is therefore any one who can trace his/her lineage to any one of those ethnic groups. Anybody else who settles in that region can not be realistically called a Banaadiri. If a person belonging to one of the Digil or Mirifle clans moves up north and settles in Garowe, that does not make him a Daarood.

The Banaadiri people are offended by the appointment of a non-Banaadiri as the Mayor of the City of Mogadishu. According to the information we are getting from inside the country that person represents clans that have participated in the destruction of Mogadishu and the wholesale displacement of its citizens. I have no personal grudges against the new Mayor who we consider as our Muslim brother. But if the information I am getting out of Mogadishu is correct he is not a Banaadiri and therefore his appointment to that high office is superfluous.

The Banaadiri people are apprehensive about the steps taken thus far by the DKFS and can only wish that things could be different. H.E. President Mr. Abdullahi Yusuf has repeatedly declared that the Banaadiri people have been mistreated over the years and that the entire Somali Nation owes them an apology. For that we are waiting to see after the good words, the fact, means that cities inside historical Banaadir territory which is under the civil control of its inhabitants to consigned / administrated by the Banaadiri. The most relevant apology to the Banaadir clans/people's would be the peaceful and complete handover of their ancestral homeland (Warshiikh, Mogadishu, Marka, Baraawe, Kismanyu all the way to Ras Chiamboni) to them by the current occupiers.

Q - The Banaadiri are an unarmed and peace loving people who abhor violence and war. They have sought refuge in many countries of the world. Is it possible for them to re-assemble back in their homeland now that a legitimate government is in control of most parts of the country?

A - It is true that the Banaadiri were unarmed and ill prepared for war. Their cities and towns have been under occupation for far too long and their properties were looted. They scattered all over the world for their own safety. We have managed to get a fairly accurate statistics and estimate that nearly 700,000 of them live in foreign countries. We have no statistics of the number that is still inside the country and know that many of their properties are still in the hands of the looters. Whether the Banaadiri will get a sense of security to come back home any time soon will depend on the trends of things inside the country.

Q - What special message do you have for your Somali audience?

A - I wish to advice my fellow citizens of Somalia not to forget the historical, political and cultural connection between them and their Arab neighbours. The Arab people have stood with us during our time of trial and tribulations and have immensely contributed to the social welfare of all the Somali Clans/people's throughout their history. We have to maintain our important alliance with all the members of the Arab League. Many countries of the world are closing their ranks and forming formidable alliances. A good example is the European Union which came together in order to survive in the face of the onslaught from other economic giants like the USA, China and India. Because of this I wish to advice the DKFS (if it cares to take advice) to take the following steps for its own survival:

  • It must have a permanent and fruitful relationship with the Arab countries.
  • It must without delay transfer civil authority of Banaadir region to the Banaadiri.
  • It must strengthen its historical and cultural relationship with the European Union.
  • The DKFS must continue to improve its bilateral relationship with Italy, which is good.




permalink | inviato da Banaadiri il 27/6/2007 alle 14:59 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


16 novembre 2006

A graphic reconstruction of a typical Mogadishans ...



























A graphic reconstruction of a typical Mogadishans ...
Mogadishans house, as it apperared when was in good condition.
Banaadiri architecture requires the observer to find the cultural content inside its powerfully massive structure.

Banaadir (which starts from the town of Warsheekh, north of Mogadishu, reaching south up to Kisimayo and surroundings) must be considered a region of Yemen in East Africa, considering that the real protagonist of the urbanization of that geographic area were people of Yemen.
The history of these great builders is testified in Yemen by numerous ruins of temples, buildings and dams. In Banaadir, unfortunately, the destruction perpetrated on the ancient ruins by Somali, has denied history the possibility of reconstructing its past. But the constant and silent presence of hundreds and hundreds of ruins scattered among all the south coast, remember to the Somali tribes that Banaadir is not their land. In this occasion I present you some sketch about a reconstruction of a house of one storey. The research and evidences confirm that this building typology was rather common in Mogadishu until a few years ago.
















In the traditional Banaadiri house, the same rooms are used for different purpose, depennding on the needs.
Except for the bathroom and the kitchen, the rooms have no specific permanent designation. The bath consists of one wc and one the bathtub in order to conserve water.
Outside the house, generally near the entrance, one finds some benches leaned against the wall, where the men sit down to chat in the cooler hours.
















We can note that emerges from the sketch presented, a definite local autonomy of creative consciousness, the attempt to work at a plan for the creation of a new world of ideas rich in social and ethical ferments.
















Per ulteriori informazioni il clikate questo link:
www.almanaara.blogspot.com




permalink | inviato da il 16/11/2006 alle 10:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


3 settembre 2006

Banaadiri















Mohamed Osman
and the new trend of Banaadiri painting
Nuredin Hagi Scikei
(Bilingual text: English-Italian)

Art has an history of its own, a language, formal rules, but it is not an exact science. That means it is patronized and loved by experts as well as by non-experts. It can thus be observed, felt and interpreted by subjects who can give it different social values with repercussions that weigh on our culture and historical memory.


There’s also who claims that often an artist is not aware of the real value of his/her work, and it often happens it’s the others who see in his/her pictures something different from what he/she probably means.(...)
Just click the following link: The new trend of Banaadiri painting Mohamed Osman ...
Mohamed Buwe (http://www.osmanart.net/),













Quello che ci dice l’arte di Mohamed Buwe Osman
L’arte ha una sua storia, un suo linguaggio, delle proprie regole formali ma non è una scienza esatta. Questo significa che è frequentata e amata sia da esperti che da non esperti. Pertanto può essere osservata, sentita ed interpretata da soggetti che possono darle diverse valenze sociali con ripercussioni non indifferenti sulla nostra cultura e sulla nostra memoria storica.
Gli esperti sostengono che non di rado un artista si rende conto dell’intero valore del suo lavoro e capita di frequente che sono altri a cogliere nei suoi quadri qualcosa di diverso da quello che egli avrebbe voluto probabilmente dire.
Il critico d’arte valuta un’opera d’arte contemporaneamente da tre angolazioni diverse: il contenuto (ovvero l’argomento principale dell’opera), le tecniche (pittura a olio, acquerello, scultura etc..) e i simboli utilizzati per comunicare idee e sentimenti. Io, non essendo un critico d’arte, analizzerò tre lavori di Mohamed Buwe sopratutto dal punto di vista del contenuto. I quadri che più di ogni altro mi hanno colpito sono “Lacrime e sangue”, “The Missing link” e “La conquista di Merka.”
In tutti i tre le opere Mohamed Buwe rompe con la tradizione degli artisti tipici banaadiri (attori, cantanti, pittori) perché si capisce subito che non ha voglia di divertire nessuno, come sicuramente non si diverte lui a dipingere quadri così terribili. Le sue sono tele che trasudano impegno civile. Mohamed Buwe fissa nel muro della storia la tragedia dei banaadiri come nessun altro ha fatto finora.
In “Lacrime e sangue” si vede una porta aperta, una signora attonita e una ragazza che sanguina dagli organi genitali. La porta non è una porta qualsiasi ma è una portale banaadiri, grande, possente e tornito. Sono pochi a sapere che i banaadiri come per tutto il mondo arabo la porta riveste un carattere sacrale e quasi magico. Essa è spesso decorata oltre ogni misura per marcare il confine fra il pubblico ed il privato. Quel tipo di porte, fanno quasi le veci di una bandiera: dove sono piantate è terra dei banaadiri. La tela di Mohamed Buwe con la porta aperta significa che il Banaadir è stato violato nella sua anima più intima. Il sangue che sgorga dal corpo innocente della bambina, invece, non si perde nel terreno ma germoglia e diventa verde. Non è un verde che dà ombra ma assume le sembianze di piante rampicanti, minacciose, sinistre. Sembra che l’artista voglia dire “da quel sangue nasceranno i nuovi banaadiri e inizierà una nuova generazione da cui non vi dovrete aspettare nulla di buono. Altra particolarità che colpisce dei lavori di Mohamed Buwe è che le vittime banaadiri, quando sono vivi, sono in piedi, impietriti ma sempre fieri, mai piagnucolosi. Nelle tele di questo artista non si vedono mai le facce e le sembianze dei violentatori e dei criminali, quasi che l’artista temesse di umanizzarli raffigurandoli. Li ignora, li sostituisce con il vuoto, come è in realtà la cultura che li ha generati ed allevati. Ma Mohamed Buwe non è tenero neanche con i banaadiri. Nell’angosciante lavoro di “The Missing link” più che la mamma morta distesa per terra, la tragedia si manifesta nell’immobilità e nella testa alzata della bambina che guarda le finestre chiuse dei vicini di casa. L’artista sputa in faccia ai banaadiri che si sono chiusi in casa e che hanno avuto paura di soccorrere i più deboli. Ma lo fa con dolore, per svegliarli. Lo dimostra con quanta struggente tenerezza dipinge quelle povere creature di Marka, buttati fuori dalla loro casa ed si sono messe in cammino, terrorizzate, verso una meta che non sanno neanche loro dove li porterà.
Ai somali che hanno bombardato i quartieri di inermi civili disarmati, stuprato donne e bambine di fronte ai loro genitori e ai loro cari, l’artista sembra dire “potete portare tutti i turbanti e i rosari che volete ma non riuscirete mai a togliervi di dosso tale infamia. Parafrasando le parole di uno scrittore egiziano, Gamal Ghitani, che fa dire al terribile protagonista del romanzo intitolato “Zayni Barakat”, “se nell’abisso di un’anima malvagia sarò riuscito ad individuare anche una sola goccia di paura, di questa goccia saprò fare un lago e del lago un oceano”, Mohamed Buwe sembra dire a quelle milizie tribali che lui la goccia di paura l’ha trovata: è la memoria di ciò di cui si sono resi protagonisti.
Ora aspettiamo che gli artisti banaadiri affrontino il tema più difficile: la profanazione delle moschee dove furono radunate donne e bambine banaadiri, perché nessuno avrebbe mai pensato che un somalo musulmano avrebbe osato raggiungerli in quei luoghi così sacri. Sulla immane tragedia della moschea di Sheekh Sufi si dovrà misurare ogni artista banaadiri. Non è un tema facile perché si tratta di dipingere il male senza essere banali e rispettando le vittime e la sacralità della moschea, ma devono trovare il modo di farlo perché le nuove generazioni non dimentichino.
Mohamed Buwe merita di essere valutato anche sul piano di utilizzo dei colori. Per esempio, nel dipinto “Possession” è riuscito letteralmente a incendiare la tela con il rosso ed il giallo e l’arancione. In “Gossiping” ha accostato tinte forti come il rosso, il giallo, il blu e il verde, eppure è riuscito a creare un atmosfera di serenità e di calore fra quelle signore. “Empathy” è un dipinto sensuale e dolcissimo. Molto felice è anche il disegno e le tinte del drappeggio del sari che fa risaltare di più il corpo morbido della ragazza. E’ ammirevole la gestione delle sfumature del blu di “Human Clonism” e dei colori solari del mare e della spiaggia.
Io so che diversi giovani banaadiri amano dipingere anche se non si sono decisi a produrre opere complete. A loro e anche quelli già famosi vorrei rivolgere un invito: quando dipingete donne e uomini banaadiri fate che siano riconoscibili. I banaadiri sono gli eredi di lunga, ricchissima e fiorente cultura arabo e asiatica: non è utile per nessuno che essa si confonda con la cultura dei pastori somali. Voglio dire che anche la pittura minuscola, quella fatta del disegno e dei colori dei buf-buf (bracciali), marooq barfuun (cavigliere), labbah (collana girocollo) etc.. ci permette di riappropriarci della nostra identità e delle nostre origini. Perché, chi confronta bene questi ornamenti femminili dei banaadiri con quelli yemeniti, degli uzbeki e di certe parti dell’India, allora scopre che il nostro è un sangue antico e vi scorre molto Asia. In Europa, nell’ottocento è nata un certo tipo di pittura che si ispirava ad ambientazioni orientali. Questi pittori sono conosciuti come “orientalisti” e i loro quadri sono spesso volgari (donne seminude senza ragione) e offensivi nei confronti degli islamici. Sono dipinti senza nessuno spessore psicologico e avevano obbiettivi puramente commerciali. Ma, bisogna riconoscere che l’atmosfera calda e morbida che riuscivano a creare questi pittori (mi viene in mente “Le donne di Algeri” di Delacroix), era la stessa che io vedevo nei malinjoog delle banaadiri. Gli orientalisti davano un’attenzione così maniacale alla finezza dei dettagli, alla eleganza della ambientazione e dei colori, che in definitiva riscattavano l’oriente della gratuita morbosità con cui dipingevano le donne.
Sarebbe auspicabile che gli artisti banaadiri affrontassero diversi settori del nostro modo di intendere la vita. Abbiamo bisogno di gioire anche di una pittura che celebra le persone che donano la loro attenzione, il loro tempo e la loro forza alle sorelle e ai fratelli più deboli. I banaadiri hanno sofferto tanto non perché fossero una minoranza ma perché non erano uniti e la propaganda culturale dei somali ha fatto perdere a loro l’autostima, e senza una solida autostima non si può fare nulla di buono nella vita. Vorrei che i pittori si cimentassero con il colore bianco e con tutte le sue sfumature dell’intonaco dei tipici edifici banaadiri. Il passare del tempo, la pioggia, il vento la salsedine, regalano al bianco dell’intonaco sfumature come ingiallimenti, sfogliature della tinta, visione della nuda roccia corallina che rendono unica l’atmosfera degli abitati della costa.
Non ho mai visto un artista banaadiri, disegnare un nostro tipico veliero come il sambuq (dhow in anglo-swahili), le scene di vita di un porto con i gabbiani e cavi arrugginiti sulla banchina.
Ecco, mi piacerebbe vedere la vostra rappresentazione di donne banaadiri, riunite in maalinjoog, con i loro vestiti e gli ornamenti tipici, di anziani banaadiri con i loro macwis, kofia e le camice sahariane, intenti a chiacchierare, mangiare o recitare il Corano. Sarebbe utile che gli artisti ci aiutassero a riappropriarci delle atmosfere orientali-banaadiri. Perché l’Asia è il mondo che ci ha regalato tanto e solo riappropriandoci della sua cultura e del suo spirito possiamo aspirare a rendere grande nuovamente il Banaadir.




permalink | inviato da il 3/9/2006 alle 15:52 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


25 agosto 2006

Il terrorismo psico-linguistico del clan ...

The psycho-linguistic terrorism of the Somali clan of the BBC Somali Service

Nuredin Hagi Scikei
(Bilingual text: English-Italian)
The psycho-linguistic terrorism of the Somali clan... (in English)


Il terrorismo psico-linguistico del clan somalo della BBC Somali Service(In Italiano)

Mi risulta che nel 1 gennaio del 2007 entrerà in vigore la Royal Charter della BBC. La Royal Charter dovrebbe essere un documento che fissa i caratteri fondamentali della BBC e ne definisce le funzioni e gli obbiettivi finali. Approfitto di questa occasione per rivolgere un invito ai responsabili della BBC a considerare la questione dei programmi in lingua somala da un’altro punto di vista: quella di coloro che stanno subendo il colonialismo dei somali.
Consentitemi di tracciare i contorni del problema. La tragedia in cui è affogato il Corno d’Africa, sopratutto negli ultimi 15 anni, ha messo in evidenza alcune questioni fondamentali che riassumo qui sotto.
- Per iniziare, il termine di guerra civile non può essere utilizzato sempre perché i Banaadiri non hanno fatto guerra a nessuno ma sono stati aggrediti dai somali. Quindi è più corretto dire che vi è stato una conflitto tribale per il potere fra tribù di somali e contemporaneamente c’è stato una guerra di aggressione dei somali ai danni dei popoli Banaadiri ,Digil, Mirifle e Bantu.
- La cosiddetta “Somalia” non è affatto una nazione con un solo popolo e una sola lingua ma uno stato composto da diversi popoli come i Banaadiri, Digil, Mirifle, Bantu, somali e con diverse lingue come l’arabo, may-may, kiswahili e somalo. Il gruppo tribale dei somali è stato indubbiamente, fino a pochi anni fa, il più attivo politicamente perché è stato privilegiato ed armato pesantemente già dall’amministrazione coloniale italiana. Per questo motivo e soltanto per questo motivo essi sono stati in grado di imporsi sugli altri popoli con la loro politica e con la loro lingua che è il somalo. Ma, il capolavoro del tentativo di annientamento da parte dell’amministrazione coloniale italiana ha avuto la sua massima espressione nella scelta del nome “Somalia”. Essendo questo nome legato al concetto di tribù, ecco che i somali, incoraggiati da questo nome tribale che fu esteso anche a territori non somali, si sono sentiti legittimati ed incoraggiati a colonizzare e commettere ogni genere di atrocità sui Banaadiri (popolo multietnico composto da arabi, gruppi di cusciti e Bantu), Digil, Mirifle e Bantu. Il livello di confusione e depistaggio creato dal nome “Somalia” fu talmente elevato che neanche i media arabi fino ad ora si sono resi conto che i somali stanno cercando di annientare politicamente, economicamente e fisicamente i Banaadiri di origini araba. Nemmeno la miliardaria Al Jaziira ha mai condotto inchieste sugli stupri e sulla pulizia etnica condotta dai somali a danno dei banaadiri arabi nelle città di Mogadiscio, Warsheekh, Afgoi, Jilib, Marka, Kisimaio ed in genere in tutte le località della piccola fascia costiera del Banaadir.
Da questo breve quadro si può intuire come, in un ambiente così conflittuale, l’utilizzo di una lingua invece che di un altra sia una questione delicata.
La BBC ha le risorse economiche inimmaginabili per i paesi africani e quindi ha i mezzi per individuare questo problema e riflettere sulla politica fin qui seguita. Non è inutile ricordare che la BBC è un servizio pubblico ed è finanziato dallo stato attraverso il canone televisivo le cui entrate ammontano, nel 2003-04, a 2,8 miliardi di sterline. Nella Green Paper del Governo britannico sul rinnovo della Royal Charter riguardo il ruolo della BBC, che può anche essere nel sito http://www.bbccharterreview.org.uk/ è riportato “The aspiration towards democracy, respect for human rights, freedom of speech and association, which had been the BBC's rationable for developing Eastern European vernacular services, has now shifted eastwards and southwards, and in particular to the Middle East, the Far East and parts of Africa and the subcontinent.”
E’ ovvio che la Gran Bretagna, come tutti i paesi del mondo, cerca di dare la migliore immagine di se. Ma, il rispetto dei diritti umani passa anche attraverso l’atteggiamento della BBC di non offrire ai somali la possibilità di attuare un terrorismo linguistico sui popoli del sud del Corno d’Africa che sono sottoposti a mortificazione gergali da parte degli speaker della BBC. Il discorso di uno speaker potrebbe sembrare neutrale solo a quelle anime candide ed ingenue che non sanno che attraverso l’inflessione dialettale, i segnali verbali, i sospiri, i silenzi, le risatine e il modo di parlare degli speaker, si può ridicolizzare o trasmettere un ampio repertorio di atteggiamenti di sottile dispregio, di sufficienza, di considerazione, di messaggi ideologici e culturali. Tutto ciò è legittimato, reso credibile e affidabile dal prestigio della BBC. Tutti noi sappiamo che nessun giornalista al mondo ci fornisce una realtà oggettiva dei fatti, ma una versione personale della realtà che è filtrata dalla sua formazione culturale e dalle sue credenze. Nei paesi occidentali, un lettore o un ascoltatore ha la possibilità di documentarsi su altri fonti e quindi di farsi una sua idea sulle vicende che gli vengono raccontate. Ma in Africa e sopratutto in “Somalia” questo non è possibile per la quasi totalità dei suoi abitanti. Perciò questa “realtà di seconda mano” che viene offerta agli ascoltatori condiziona la loro visione del mondo. In una realtà in cui esiste un gruppo etnico cerca di occupare nuovi territori con le armi e sfrutta tutti i privilegi che gli ha passato il colonialismo italiano, anche la scelta della lingua nazionale sarà registrata come la vittoria del gruppo etnico a cui quella lingua appartiene. Altro che buon senso, scegliere la lingua A invece che la B o la C significa incoronare e privilegiare l’etnia A. Ecco quindi che le parlate degli speaker della BBC possono costituire per i banaadiri, Digil, Mirifle e i Jareer un terrorismo psicologico alla loro lingua ed alla loro cultura che è legittimata come di minor valore rispetto alla lingua somala.
Scegliere la lingua somala significa scartare l’arabo, il kiswahili e il may-may, e coprirli di una valenza negativa utilizzando l’autorevolezza della BBC e in definitiva il prestigio internazionale della Gran Bretagna. La discriminazione linguistica è diventa una discriminazione sociale e politica e ha finito per penalizzare l’identità, la crescita e la visibilità.del popolo banaadiri.
Non si può far finta di non sapere che la lingua è il veicolo di un pensiero e di un’intenzione, e che pertanto non è mai innocente. Il somalo parlato da speaker somali della BBC è capito bene solo dalla regione di Galkacyo in su. Dalla città di Joohar in giù (oltre che in ampie aree della regione di Hiran) dove il somalo è stato imposto con la forza, gli abitanti del sud comprendono questa lingua con estrema difficoltà perché la loro lingua madre o è l’arabo, o il may-may o il kiswahili. Anche quei gruppi del sud che si sono arresi a parlare il somalo, non sono in grado di articolare un discorso completo in somalo. Siccome dietro alle scelte linguistiche c’é sempre stato in tutte le latitudini una competizione politica di identità culturalmente differenti, sarebbe auspicabile che la BBC valutasse alternative che non favoriscano la tribù dei somali più di quanto lo abbia fatto in passato.
A noi Banaadiri, ci farà sempre piacere sentire il punto di vista di una emittente di un paese democratico come la BBC ma è preferibile che tutto ciò si svolga in lingua inglese. Se ci saranno pastori somali che non capiranno l’inglese, ci saranno anche dei contadini Banaadiri, Digil, Mirifle che non capiranno l’inglese ma almeno tutti si sforzeranno di imparare una lingua che serve come una reale lingua franca a livello internazionale e che non ha ripercussioni conflittuali all’interno del paese.
Fnte: Eng. Nur H./Italy




permalink | inviato da il 25/8/2006 alle 7:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


2 giugno 2006

Interview with FreeThinker Banaadiri Whose ...

Interview with FreeThinker Banaadiri Whose Aim Is to Change the Name "Somalia"
Ing Nuredin H. Scikei

Interview with FreeThinker Banaadiri Whose Aim Is to Change the Name "Somalia"

An honest talk with author and activist Nuredin Hagi Scikei on the prospect of a lasting peace and stability in the Horn of Africa...
To read complete article just click the followign link:
http://www.buzzle.com/editorials/6-1-2006-97966.asp




permalink | inviato da il 2/6/2006 alle 11:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


12 maggio 2006

Somalia ...

Muqdisho:
Waxaa maalmaha la soo dhaafay dagaalo culus ka socdaan magaalada Muqdisho, kuwaasoo dhaawac culus iyo gerri dad tiro badan gaystay. Kuwo geriyaaday ayaa waxaa ka mid dad rayid ah, oo aan dagaalka waxba oogu jirin iyo kuwa tuugada maleeshiyiinta ay hogaamiyaan warlodska Muqdisho.
Waxaa maantadan magaalaada na soo gaaray in ay jiraan dhaawacyo culus oo loo gaystay kuwo ka mid ah nimanka hogaamiyayaasha malishiyiin degaanka muqdisho baabi'isay, barakicisayna dad tiro badan ee dhulkaa ku noolaa, labaadaasi nin ayaa kala ah


Ninka loo yaqaan IndhaCadde

iyo







Muuse Suudi, oo ka mid ah wasiirada dowladda cusub ee ku meel gaarka ah,. gaar ahaan wasaarada ganacsiga.
Waxaad moodaa in hadlkan uu yahay mid dhab ah, walow labadoodaba la sheegayo inay yiraahdeen, wax na gaaray ma jirto.
Balse haddii dhawci jiro, waa mid aan la qarin karin, oo aan idinla soo socod siin doono.

Mogadiscio:

La guerra in corso tra le due fazioni e cioè le cosiddette organizzazione dei Tribunali islamici ladri e criminali e la cosiddetta alleanza anti-terrorismo dei più potenti signori della guerra locali, anche loro criminali che hanno devastato tutte le città della Somalia meridionale incluso la città di Mogadiscio, hanno fatto ormai un 130 morti fra civili e milizie delinquenti della capitale.
In questa guerra, sono stato informato che Vi è stato il ferimento di soggetti cosiddetti signori della guerra, che hanno guidato le milizie armata a fare violenze nei confronti della popolazione abitante nella Somalia meridionale, tra l’altro un di essi è anche ministro del nuovo governo di Transizione Federale Nazionale della Somalia.
Il primo sarebbe un certo  warlord di Mogadiscio che guida milizie armate delinquenti /criminali  occupanti dei territori del Banaadir:


Sheekh Yuusuf Indhacadde- appratiene al clan dei Habar Gidir del gruppo Cary, venuto dalla Somalia Centrale per occupare territori della Somalia meridionale ed il territorio del Banaadir la parte meridionale dell'attuale Somalia.









Mentre il secone nella foto, sarebbe il Ministro del Commercio del Governo, ma che continua ad essere warlord che guida anche lui milizie armate che hanno devastato la Somalia meridionale, in particolare Mogadiscio.
Abaabakr Al Muwalid
Muqdisho
For Banaadiri Italy
muwalid@yahoo.it




permalink | inviato da il 12/5/2006 alle 11:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


12 maggio 2006

Somalia: Amnesty International condemns ...

Somalia: Amnesty International condemns child executing father’s killer [document]

dil2.jpg (44820 bytes)


Amnesty International today condemned the public execution of Omar Hussein in Mogadishu on 2 May. He was tied to a stake, hooded and stabbed to death by the 16-year-old son of the man whom he admitted stabbing to death in February, an elderly Qur'anic school teacher.

dil3.jpg (57970 bytes)

Omar Hussein had been sentenced to death hours earlier by an Islamic (Shari'a) court. Shari'a courts in Somalia...
http://www.amnesty.org.uk/news/press/17000.shtml




permalink | inviato da il 12/5/2006 alle 7:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


9 maggio 2006

Somalia '' Mogadiscio'' ...

Dagaalo ku dhexmarayaa magaalada Muqdisho dhexdeeda maleeshiyo


 


Foto di Mogadiscio negli anni 80'

Waxaa war naga soo gaaraya magaalada Muqdisho ayaa sheegaaya,  in maanta ay tahay maalintii sedexaad ee uu dagaal kulul ku dhexmaraayo maleeshiyiin kala duwan magaalada Muqdisho– kuwaasoo ka socda, xaafadaha Kaaraan, Yaaqshiid ilaa iyo Km4.Dagaaladan ayaa la sheegayaa in muddo sedexdan maalmood ku geeriyoodeen dad cadadooda gaaraysa ilaa iyo 40 qof.

Waxaa war nagu soo gaaray in dagaalkan uu qarxay marcii weerar lagu qaaday gaari ay lahaayeen maleeshiyo daga inta u dhexeysa xaafada Yaaqshiid 6 Kaaraan.

Ayagoo qaarna yihiin kuwo difaaca maxkamado isku sheega ka dhisan, qaar kalena leeyihin waxaanu ka soo hojeednaa argagixiso, aan la garaynayn waxa ay ooga dan leeyihiin, maadama kuwan dambe yihiin kuwo la jira siyaasiyiin isku sheega warlodska baabi’iyay magaalooyinka koofurta Soomaaliya.

Riassunto in Italiano
 
Foto antica di riviera di Mogadiscio

Da tre giorni è in corso a Mogadiscio una ferocissima guerra fra le milizie Hawiye nella capitale della Somalia ‘’Mogadiscio’’ – una 40tina i morti 
Da Mogadiscio, ci giunge notizia circa una guerra ferocissima in corso da 3gg, nella città. Fonti da Mogadiscio ci informano che i morti sono circa una 40tina, e la guerra non accenna a rallentare, pare che sia nata da un motivo futile, fra le milizie armata Hawiye (per rubare una macchina), che oramai dopo aver espulso la popolazione civile dalla capitale ‘’ Mogadiscio ‘’ si contendono il potere da 15anni senza alcun esito finale. Infatti, gli uni dicono di essere contro le cosiddette corte islamiche e gli altri dicono di difendere non si sa cosa.

Rimane il fatto che continuano ad ammazzarsi da tre giorni e in cambio danno il colpo di grazie alla capitale Mogadiscio già provata dalla loro occupazione, violenza e distruzione.




permalink | inviato da il 9/5/2006 alle 16:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


9 maggio 2006

Mr. Omar Hussein era membro del clan Jareer di Shanta Caleemood



Una delle cosiddette corte Islamica a Mogadiscio 'Somalia', usando le milizie armate occupanti dei territori del Banaadir  ‘’ Somalia Meridionale – decide di uccidere con atto barbarico, che nessuno essere umano può condividere il povero Sig. Mr. Omar Hussein, che apparteneva al clan dei  Jareer della Shanta Caleemood.
La persona che viene uccisa appartiene ai clan non armati abitanti con i Banaadiri nel territorio del Banaadir occupato a tutt'oggi con forza.
La sua uccisione si decide per il semplice fatto di non appartenere ai clan armati che guidano assieme ai cosiddetti signori della guerra il disastro del paese e le milizie delinquenti.
Infine I Banaadiri chiedano un intervento alla comunità internazionale al fine di interrompere questi atti di barbarie nei confronti della popolazione/comunità non armata in Somalia.
Banaadiri - Italy




permalink | inviato da il 9/5/2006 alle 11:52 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


27 aprile 2006

War Cad Uu Soo Saaray Guddoomiyaha...

 

By:

War cad uu maanta soo saaray Guddoomiyaha Ururka Midowga Koonfurta Soomaaliya ee loo yaqaan SSU ama (Southern Somali Union), Mudane Dr. Aden Cumar Abokor, ayaa lagu kashifay sida abaabulan oo  loo xaalufinaayo gobollada koonfureed ee Soomaaliya.(...)
SSU




permalink | inviato da il 27/4/2006 alle 7:53 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


26 aprile 2006

Isbaheysiga La Dagaallanka Arggagixisada Oo Shaley Shir Jaraa’id ...

 


By: Aadan Cusmaan

Isbaheysiga la Dagaallanka Argagixisada ayaa shaley shir jaraa’id oo ay qabteen ku sheegey inaysan waqtul xaadirkan  u soconin wax dagaal ah. War saxaafadeedkan oo uu  jeedinaayey afhayeenka Isbaheysiga oo magaciisa la yiraahdo Xuseen Guutaale Raage, ayaa wuxuu sheegey in madaxda Isbaheysiga uu qado sharaf u sammeeyey Guddoomiyaha Gbolka (...)
SSU




permalink | inviato da il 26/4/2006 alle 17:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


21 aprile 2006

Photo of member of Banaadiri Community ...




permalink | inviato da il 21/4/2006 alle 18:39 | Versione per la stampa


10 aprile 2006

The Banaadir Arabs and their civilising influence

Foto di Nuredin H. Scikei


















Fig: Works of Banaadiri architecture in Mogadishu, Bur Gao, Ngumi, Gondershe, Chovai, Koyama, Rasini. The historical works are not purpose to themselves. They must be an instrument of knowledge and action.

The Banaadir Arabs and their civilising influence
The Banaadir Ar...
In an article about Medieval Mogadishu Professor Teobaldo Filesi concluded like this:
After five centuries swollen waves of history and lies have cancelled even the most impressive and visionary dreams of glory. One by one empires have collapsed and are almost forgotten. Instead, they say, there exists, a liberty that is, however, an abstract concept, especially compared to everyday reality. Somalia has, perhaps, caught a glimpse of freedom in some happy interlude in its long past. To reread Ibn Battuta or Fei Hsin or Duarte Barbosa is like bowing down to commemorate a damaged memory. Since Mogadishu no longer exists, or exists as a violation of civilisation and as an annulment of human dignity. (...)


Foto di Nuredin H. Scikei
























Fig: The majority of Banaadir Arabs came from the Hadharmut region in the Yemen.

The Arabs (
ii) who settled in Banaadir(iii) more than ten centuries ago were elemental in progress and stability, an authentic gift from the Yemen to a land that had always suffered the effects of tribal war. Although European scholars have almost always recognised the social impact they had, the Banaadir Arabs have never been the subject of any specific research regarding the real significance of their influence in Somalia. A study of this type, although having its main focus in Banaadir cannot fail to include research in the public and private libraries of the southern coast of the Yemen, the geographical origin of most of the Arabs of Somalia, the Persian Gulf and the East African coast, where the Swahili civilisation flourished.
The aim of this article, which does not presume to give definitive answers to such complex issues, is twofold. Firstly, to try and identify and summarise the main sectors effected by this civilising influence. Secondly, to highlight prejudices common to this issue, from which European scholars seem to be the most at fault, and to suggest a hypothesis regarding the effects that these prejudices have had.
Somalia, an unsuitable name for a multi-ethnic society.
It is necessary to make one clarification immediately. Prior to Italian colonisation, Somalia as a political entity did not exist. With art.1 of the law 161 of the 5th April 1908 the Italian colonial government gave Somalia its name. Incautious or deliberate, the name “Somalia” throws the history of this state in to confusion by disregarding completely the ancient history of other peoples living in the same territory. If this name makes sense in the central region of Galgaduud, an area beginning approx. 200km north of Mogadishu, and in most northern regions, in the most southerly regions it sounds provocative. In fact the Reewiin, also known as the Rahanweyn, from the area between the Juba and Shabelle rivers, the Bantu, (Sciidle, Shabelle, Zigula, Nyassa, Yao, Makua, Magindu etc.) above all from the river areas, and the Banaadirs (multi ethnic group composed of Arabs, both Cuscite and Bantu) do not belong to the Somali ethnic group. Only the Darood, Dir and Hayiwe do. (...)


The century to which Arab settlements date back.


Foto di Nuredin H. Scikei





















Fig: Door of a house in Kisimayo (Banaadir)

The presence of Arabs in Banaadir in 1200 cannot be a matter for discussion. Mosques built by them, like Al Jaama’ in 1238 and Fakhruddiin in 1269, exist to this day. It is the opinion of many scholars that, once more serious archaeological studies are undertaken, the evidence of their presence will probably date back to the pre-Islamic period. The two oldest pieces of evidence relating to the founding of Mogadishu are two funereal epigraphs dating back to the 8th century. However, an English scholar has placed both under discussion. One, because it shows signs of erosion which have led to a misreading, the other because it has been misinterpreted. It is this last tombstone that will be considered since only one argument has so far been discussed. It is an ancient funereal stele sculpted from alabaster, on which is commemorated the death in 138 at Hegira of a lady of the name Hajia Bibi. The scholar Freeman-Grenville retains that, although the inscription is intact, the date 138 H should be read as 1138 H. He sustains that there are other examples, both in Mombasa and Mbweni, Tanzania, of this omission of the first number of the date when referring to the years following 1100(...)
To read full art - just double click the following link:
The Banaadir Arabs and their...
By Dr.N.H.Scikei
The opinions contained in this article are solely those of the writer.




permalink | inviato da il 10/4/2006 alle 10:14 | Versione per la stampa


16 gennaio 2006

Dr. Cali Faqi:"Waxaan diidney habka loo soo ...


cali_faqi2.jpg  3145 bytes





Dr. Cali Faqi:"Waxaan diidney habka loo soo xuley khubarada ka shaqeyneysa oo aan qof ugu jirin dadka reer koonfurta oo xooga lagu haysto..."
new.gif 282 bytes




permalink | inviato da il 16/1/2006 alle 14:42 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


22 marzo 2004



Benadir youth council (BYC)
Background Information:
The Benadir Youth Council, as acronym BYC), is an organization
founded by members of Benadir Youth, intellectuals it was -
established in Mogadishu on 20/04/2002.
As a result of state of anarchy, Benadir communities have been
ill treated their basic human rights is over looked therefore, to
enjoy a healthy life style to lead them to a well planned social life
a group of Youth formulated this council.

The organization intended also to encourage the peaceful co-
existence among Somalis carried by voluntary non-aligned
boundless, non-profit making its functions ranges from social
rehabilitation and development civil organization.
Principles:
Equality is the cornerstone of every Democratic Society,
which aspires social Justice and Human rights. For democ-
ratic society which aspires justice and human rights.

Mission Statement:
To reduce poverty and enhance economic recovery through
vocational and skill training, lobbying and advocacy for the
four basic human rights.

Geographical Area of Operation.

BYC operates in the coastal and inter riverine areas of
Southern Somalia. Particularly, From Warsheik, Mogadishu,
Merka, Brava, to Kismaio


 















 















 

 



















 


 


Fonte : Copyright - BYC/ACBI




permalink | inviato da il 22/3/2004 alle 11:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


27 giugno 2003

Somali - Tanzania: Somali Bantus get Citizenship

SOMALIA-TANZANIA: Somali Bantus to get citizenship

NAIROBI, 26 June (IRIN) - Tanzania will favourably consider applications
for citizenship from about 3,000 Somali Bantu refugees who have lived in
the country since 1992, a government official told IRIN on Thursday.

Speaking from Dar es Salaam, the deputy minister for home affairs, John
Chiligati, said the government was willing to integrate the refugees into
the society because it believed that they originated in the country before
they were taken to Somalia as slaves some 300 years ago.

Chiligati said issue was raised in the Tanzanian parliament on Wednesday
by a member who wanted to know what the government was doing about the
Somali Bantus who have been living in Tanga region. The first group of
about 1,000 refugees arrived in Tanzania in 1992 after they fled Somalia
when Mohammed Siad Barre's presidency ended in 1991.

Although the government had not received any applications for citizenship
from the refugees whose number had since increased to at least 3,000,
Chiligati said they were welcome to apply.

Initially, he said, the refugees had been settled in the Mkuyu area in
Tanga, eastern Tanzania. However since April, he added, the government, in
collaboration with the UN refugee agency UNHCR, had relocated the group to
Chogo village in Handeni, still in Tanga, where each family had been
allocated at least one hectare to cultivate. The relocation was to cater
for the increase in numbers of the refugees, he added.

"We believe that these people were originally from Tanzania," he said.
"The speak Zigua [a local language] fluently, that is why we took them to
Tanga where the Zigua people live."

He said that the UNHCR had built a primary school, health centre and other
structures in Chogo, to cater for the Somali Bantus.

The refugees are said to be descendants of slaves who were captured from
Malawi, Mozambique and Tanzania by a ruler of Zanzibar and other slave
traders and sold into Somalia.[ENDS]

Copyright (c) UN Office for the Coordination of Humanitarian Affairs 2003




permalink | inviato da il 27/6/2003 alle 9:59 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


26 giugno 2003

The Swahili

Sultan Seyyid Said, ruler of Zanzibar, surrounded by his advisorsThe Swahili is the name given to the coastal people who historically could be found as far North as Mogadishu (Somalia) and as far south as the Rovuma River (Mozambique). They share a common language, widely spoken by non-Swahilis, called Ki-Swahili, and enjoy a city-based fusion of African and Arab culture.

"Men of greatest stature, who are pirates, inhabit the whole coast and at each place have set up chiefs."

From Periplus of the Erythraean Sea, 100 AD.

Main towns on the Swahili CoastThe contact between the East African coast and Arabia, Persia and even China, goes back long before Islam came in the 8th century. Greeks and Romans called the area Azania. The Arabs talk about the Land of Zanj. Arguably coastal Africans were closer to the people of Arabia and the Gulf of Persia than to African societies in the central interior.

"From of old this country has not been subject to any foreign power. In fighting they use elephant tusks, ribs and wild cattle's horns as spears, and they have corselets and bows and arrows. They have twenty myriads of foot-soldiers. The Arabs are continually making raids on them."
From Compendium of Knowledge, by Tuan Ch'eng-shih, 8th century.

The Coast of East Africa has had a long history of trade, involving constant exchanges of ideas, style and commodities for well over two thousand years. Marriage between women of Africa and men of the Middle East created and cemented a rich Swahili culture, fusing urban and agricultural communities, rich in architecture, textiles, and food, as well as purchasing power.




permalink | inviato da il 26/6/2003 alle 14:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


24 giugno 2003

Banaadiri

Banaadir è una delle regioni più antiche del Corno d'Africa e della parte meridionale dell'attuale Somalia.

 

Per Banaadir, intendiamo quella fascia costiera che parte dalla cittadina di Warshiikh a nord di Mogadiscio fino a Raskiyamboni verso il confine con il Kenya, inclusa la città di Kisimayo.

 

Il popolo del Banaadir è un popolo multi-etnico e multi-culturale, che ha usi, costumi e storia diverse dagli altri gruppi del paese, è composto da popolazione di origine Araba, Bantu ed altri gruppi Cusciti. I banaadiri, sono riusciti nel corso dei secoli a convivere fra loro in pace, con stabilità politica e senza alcuna guerra civile, poiché esistenti prima della creazione dello stato Somalia e prima dell'arrivo dell'era coloniale.

 




permalink | inviato da il 24/6/2003 alle 15:53 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

sfoglia     novembre       
 

 rubriche

Diario
La Regione del Banaadir
ACBI
Immigrazione
Informazione dal Banaadir e dalla Somalia
Esteri
Africa
Politica
Informazioni Utili in Italia
Libri di Storia sul Banaadir e sul Corno d'Africa
Dhalasho

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

Puntland News Media
Università di Bologna
Democratici di Sinistra
L'Unità
Amnesty International U.K.
United Nation
Banaadiri Bibliography
Yemen Times
Sito utile della Somaliland
Sito dell'UNHCR
Unione Europea (UE)
Khaleej Times UAE
Sultanate of Oman - OMAN -
CISL Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori
(CGIL) Confederazione Generale Italiana del Lavoro
Ministero degli Interni
Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali
Banaadir Community in New Zealand [Home]
Nigrizia.it - il sito dell'Africa e del mondo nero
News Asmarino Com Front Page
Rivista 'Africa e Mediterraneo
League of Arab States Information
Arab News Paper Al Hayat
Bantu del Banaadir(Som)
Somaliland Times
Petracci Studio
Notizie per gli immigrati in Italia
Assoc. Areas nel FVG-Italy
Southern Somali Union
Sito Nuredin Scikei
La Regione del Banaadir
La Regione del Banaadir
sito Utile
Banaadir Community in Kuwait
banaadir Italia
DPR 334/04
Ilaria alpi
Associazione Culturale WarNews
Baidoa
guulane
Regione Emilia Romagna
Regione Friuli Venezia Giulia
Rivista Popoli
Riviste Italiane Utili
Rivista Intern. di Architettura
Rivista Internazionale in Italia
Istat - Italaina
Consiglio Nazionale dell'Economia e del Lavoro-CNEL
Comune di Pordenone
Comune di Roma
Comune di Gorizia
Eurostat
Risultato Elezione Amministrative del 2003 - in Friuli V.G.
Emergency - di Gino Strada
MATILDE MADRID
SERGIO COFFERATI
markacadey- net
Banaadir - Italy - ACBI
PAOLA T. BRUNI
GRUPPO 85
POPOLI
INTERNAZIONALE
ESPRESSO
LIUTPRAND - Alberto Arecchi
AIR ONE - ITALY
RYANAIR - ITALY
VOLARE - ITALY
Cultural Orientation Resource Center
Ansa Italiana
Nuccio Iovene
Un Ponte Per ...
Sito Utile . Asia
Sito Utile USA
Comuni Italiani
Mod. auto
Ajeeb
Nessuno.tv
Muslim Friendship
Gazzetta della Politica
Telefonate Gratis dal P/C - Inform.
Inform. Dal Medio Oriente & Mondo Arabo
Islam Ciid Card
Al Faqi (Qataan)
Alternative Media
Il Manifesto
Ajeeb.trans.utile
Al Jazeera
markacadeey
mercurio
Blog
Sito Banaadiri
Music
Banaadiri-Splinder
RaiNews24
Manifestazione ITALO/AFRICA
Banaadiri-1
banaadiri
STFG-Somali Federal Gov
SOuthern Somali Union
mercurio
Petracci

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom